username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Romeo Saggezza

in archivio dal 02 lug 2011

14 dicembre 1980, Milano

mi descrivo così:
Sono bravo buono, gentile e generoso, sensibile emotivo e premuroso... ma la cattiveria sottopelle della gente mi fa star male, e nei miei pensieri mi nascondo nel profondo nel fondo del mare.

02 luglio 2011 alle ore 15:10

io vivo come un'albatro 2

Il racconto

da quassù le gru fanno il lifting alla città
nascondono l'età ma riescono per metà
c'è elettricità nel cielo milioni di affari umani
blu come un monitor banchi di nuvole di dati
e sulla terra deridono gli albatri e i liberi arbìtri
già dagli albori dei primi canti dei primi miti
potrei allenarmi per migliorarmi, voglio alienarmi, voglio ignorarvi
senza calarsi non c'è catarsi, siamo mortali ma siamo caparbi
e vado su lontano dall'eco dei miei rimpianti
le città da qua sembrano piccoli cancri
sulla terra sono solo come un cane ma posso volare
poi ho migliaia di braccia protese su cui atterrare

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento