username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Silvia Denti

in archivio dal 21 gen 2008

19 novembre 1959, Caravaggio

22 febbraio 2008

You are

Sei tu che mi prendi la pelle
e mi fai dire il tuo nome
alla luna come fossi qui davanti
ad assassinarmi di baci
con labbra di cielo mai sazie di me

Sei tu che scolpisci il mio corpo con mani sicure
creta divento duttile e tenera formando
tutte le anse che desideri forgiare

e... colori le mie notti
porti via l’anima
mi conduci dove vuoi
forse in infiniti senza giorno
forse in quei boschi pieni di fate
e di gnomi

Sei tu che componi i miei sogni
sillabario del vento che scuote
i brividi dei battiti
in orgasmi lenti e mai pieni
quasi incompiuti per non perdere
i miei lamenti di desiderio
in un volerti che non si spegne mai...

You are or are you?

Tra talamo e pensiero
tutto un mondo si riversa sui miei fianchi
di marmo tra le gambe che tanto hai amato
tra il mio calvario che non trova pace
e si veste ancora di rosso...
fino alla prossima notte.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento