username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Simone Veltroni

in archivio dal 08 gen 2008

19 febbraio 1962, Firenze - Italia

08 gennaio 2008

L'urlo

Occhi chiari
Della mia presenza
guatano il passo
che lento scivola
al suo canto,

refola i di lei capelli
e tra le vesti insinua,
a me i sensi, lo Zefiro.

Concedo al biancor della pelle
che odora di miele,
alle tumide labbra di melograno
il vizzo segreto,
al vuoto corpo l'abbraccio.

Dal chè all'universo congiunto
sazio l'anima ritrassi,
ansante sospeso confuso
fra nebbie dipinte
Del verme,
l'ineffabile urlo
eguaglio.

Inghiotte la notte
nel fondaco viale
dei lustrini il riflesso.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento