username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 24 ott 2006

Vincenzo Morgioni

12 luglio 1988, Taranto
Segni particolari: Alto, bello, maledetto dalla più antica delle maledizioni: l'Amore
Mi descrivo così: Foscolo dell'era moderna, malinconico, bello e dannato. Amo cantare dell'uomo e delle sue passioni che lo spingono ad essere se stesso fuggendo dalla grigia normalità

elementi per pagina
  • 30 novembre 2006
    Anima notturna

    E tu intanto lassù

    Pallida troneggi sul far del mondo

    Aspetto e soffro mentre tu

    Diletti il mio verso giocondo


    Lontana sei ancor più da me

    Dove dove?

    Dove sei? io ti cerco e aspetto

    Aspetto un treno che capolinea non ha


    Forse un giorno deciderai di prendermi con te

    Prendermi per mano

    Farmi nuvola

    E portarmi lontano


    E io dall’alto guarderò la città

    Che s’anima in un formicolio

    Di luci e suoni

    Da la scruterò la campagna


    E le rive silenziose

    Da la guarderò i prati

    E l’allegri girasoli

    Da la poi mi vestirò di sogno


    E danzeremo al rischiarar del cielo

    Festeggeremo tutta la notte

    Ubriachi di infinito

    Sazi di follia


    Ma poi quando il sole

    Di nuovo salirà l’ultimo scalino

    Dell’orizzonte lontano

    Ci guarderemo, e sorrideremo


    Infine ci abbracceremo

    E moriremo insieme

    Spirando un ultima volta

    Ormai esausti


    E quello stesso respiro

    Sveglierà uomini e donne

    E li spingerà a cercare il loro momento

    A guardare fuori a camminare dritti


    Non so dove tu sia

    E ne mi importa

    Continuerò a cercarti

    A volerti ed amarti


    Ma quando ormai

    Il mio corpo sarà decadente

    E la mia anima volerà

    Portala per mano tra il sogno oltre la realtà.

     
  • 30 novembre 2006
    Notte

    Siamo io e te;
    Notte, al cospetto del mondo;
    amiamoci;
     
    E il sole non vuole che tu splenda ancora
    è geloso della tua irradiante bellezza
    solo poche ore e ti soffoca nel suo abbraccio
     
    E io allora;
    tornerò errando sulla mia strada
    abbandonando il sogno
    finendo pian piano di vivere;

    Come vento d'autunno
    spezza lo stelo di foglie cadenti
    così il mio animo si piega
    alla crudel fortuna
     
    Torna notte;
    Torna e portami via con te
    fammi costruire i miei sogni
    come lego di stelle
     
    Ma come ogni donna;
    ami e tramonti;
    ci daremo il nostro arrivederci a domani
    qui dalla finestra cui ci guardiamo
     
    E di nuovo
     
    Saremo io e te
    soli al cospetto del mondo

     
  • 24 ottobre 2006
    Canto di vita

    Canto dell’amor


    E degli orizzonti lontani


    Che all’uom che muor


    Paion sempre più vani


     


    Canto della donna mia amata


    Che se ne sta sulla riva perigliosa e guata


    A rimirar l’orizzonte


    Aspettando il suo uomo scender dalla cima del monte


     


    Canto dell’amor mai conosciuto


    Che di mille cavalieri


    Causò il senno perduto


    Così oggi come ieri


     


    Canto di terre lontane


    Dove solgo rifugiar la mia mente


    Lontano da questioni nostrane


    Lontano dai capricci e dalle malelingue della gente


     


    Canto di chi è e di chi fu


    E un dì morì per noi stessi


    Il suo corpo or non è più


    ma i suoi sogni non verranno mai repressi


     


    Canto di loro che ora vagano


    Illuminando gli animi di chi crede


    Non che il domani sia un vil marrano


    ma chi nel domani ha fede


     


    Canto del sole e della luna


    E delle loro figlie le stelle


    Giammai vivremo la notte come una


    ma le notti che da viver non  son solo quelle


     


    Canto di chi come me è gioco della fortuna


    E canto dei mei sogni perfetti


    Che possan vivere al tramonto della luna


    Che possan esser realtà di diletti


     


    Canto di quel che fui e di quello che sarò quando la mia anima sarà sparita


    Un ragazzo che in poche righe seppe cantar la vita.

     
  • 24 ottobre 2006
    Fine del viaggio

    Che del terminar divin del viaggio


    Sia mia ispirazione la vita


    Che ritrovi la mia via smarrita


    Che del mal rimanga solo il miraggio


     


    Percorrendo l’ampie pianure e le cime ghiacciate


    Giunsi al tanto sospirato sentiero


    Che all’uom gli è oscuro anche il pensiero


    Del poter toccar mete mai solcate


     


    E del perché  aver percorso quel cammino


    Io me ne domando ancora causa


    Di come lo percorsi senza sosta e senza pausa


    Per svelar infine l’humanitate destino


     


    Giunsi veramente al precipizio? 


    O fu solo illusione?


    O fu solo l’inizio?


     


    Isto non avea importanza


    Perché al terminar v’ero giunto


    Con mille pene amare


    Ma con affianco le persone più care


     


    Qual è fu e com sarà la vita


    Il destin dei viaggiatori


    Che di speranze furon attori


    Che non si fermaron innanzi alla lor salita


     


    O tu che fosti mia musa


    Narrami l’arduo compito di loro


    Che sepper’ essere dell’umano coro


    La voce che non può esser rinchiusa


     


    Color che sepper con coraggio e destrezza


    Narrar l’umana incertezza


    Cantami o musa


    Cantami o dea


     


    Davvero il viaggio nostrano?


    Davvero fummo noi?


    Ad accender la speranza in un mondo vano?


     


    Proteggi chi cade


    Proteggi chi prosegue


    Proteggi chi evade


    Dal mondo che il suo corso segue


     


    Il sole sorge


    L’ombra dei quattro


    In lontananza si scorge


    Con sguardi incerti


    Ma sicuri nel cuore


    Non son eroi esperti


    Né combattenti con furore


     


    Son giovani comuni


    E nel loro capire


    Sanno che dal mondo non si può fuggire


     


    Sanno che l’unica certezza nella loro ancora lunga salita


    È veder il sole


    Sorger sulla vita

     
  • 24 ottobre 2006
    Solo

    Di vita d’un tempo ne son testimonianza


    Di vita presente ne son fautore


    Di vita futura ne son attore


    Che la madre notte mi guidi nell’abisso di questa stanza


     


    Solo


    Son nato tra parenti e fiocchi


    E tra mille diletti e balocchi


    Solo


    Morirò tra lacrime e cenere


    Possa raggiunger in pace la mia anima l’etere


     


    Ma di mille amori


    Quale ricordi meglio o penato?


    Sempre e solo quello mai sbocciato


    Che ancora con inquietudine cerco la fuori


     


    Chi o penato meglio comprenderti potrà


    Se non chi ti ha cresciuto


    Chi tu hai con giogo inquieto vissuto


    E chi esalare l’ultimo respiro ti vedrà


     


    Chi se non lei la madre di tutte le favole


    Di gesta di eroi e cavalieri


    di atti di eroi di oggi e di ieri


    che scrisse anche di cavalier e di tavole


     


    Forza o notte son perso


    Son naufrago tra le tue brillanti braccia


    E cerco invano di poterti guardar in faccia

     
  • 24 ottobre 2006
    Ultima rosa

    O tu che giaci all’ombra di un ultima rosa d’estate


    Che ripensi all’anime cortesi tanto amate


    Mentre col sangue di chi si batté pe’gloria


    Bagni i verdi prati e gli atti dell’ istoria


     


    O tu che una volta fosti capace di capire


    Da un’anima che nel fugace divenire


    Che quella mano che soleva l’anime dai corpi strappare


    Poteva persin’essere capace di amare


     


    Quegli occhi che videro solo feriti,mutilati e morti


    Eran capaci anche di sognare le rive e li verdi orti


    Quelle orecchie che nulla sentirono se non il suono di guerra


    Potevan sentir il suono della pioggia che batte sulla terra


     


    Quella lingua che solo pronunciò il nome dei defunti soldati


    Potea anche chieder perdono pe i nostri peccati


    Quel naso che sempre sentì l’odor del sangue e della polvere


    Potea sentir l’odor del vento che le onde sol muovere


     


    Chi fu così gloriosa?così gloriosa da renderti uomo?


     


    Uomo non che pene infligge


    Non che uccide


    Uomo che l’unica forza che sa


    E l’unica che non si sconfigge


     


    Ea fu colei che seppe insegnarti l’amore


    Nella sua dolcezza e nel suo rosso calore


    Colei che ti fece conoscer mondo a te nuovo


    Che tu rinnegasti pe segui quello che dell’arme e della violenza fu il ritrovo


     


    Rinunciasti a lei e a non poterla amare


     


    Eppure perché? Tu forse l’amavi? Davvero?


    Cosa? Cosa dici? Ora capisco…


     


    Sospiri il suo nome in un ultimo fiato di vita


    Guardando ormai quella rosa appassita


    Appassita oramai come te 


    Anima che fosti e che pian piano più non c’è


     


    Addio bel mondo ti ho scoperto al terminare


    Quando gentil anima mi illustrò cos’è l’amare


    Ma almeno muoio sapendo in me una cosa:


    Che almeno una volta anche io fui una rosa

     
  • Lungi dal solcar quelle terre amate


    Intonate dal canto del mar


    Non son terre misteriose mai solcate


    Son terre che ti insegnarono cos’è l’amar


     


    Addio paesaggi magici


    E cieli stellati


    Si torna ai giorni tragici


    A quelli mai amati


     


    Ma un giorno quando sarà il mio momento


    Che l’ultima campana sonerà alla mia porta


    Che le mio polveri vengan dal vento


    Trasportate laddove il cuore mio le porta


     


    Voglio dedicar queste mie righe modeste


    A chi come me ama la vita


    A chi come me di sogno si veste


    A chi come me vive nella città marcita


     


    A chi come me perse l’amore


    Per soddisfar volere fraterno


    Ma io so che v’è nel mio core


    Per questa persona v’è amore eterno


     


    Addio alberi, addio pace, addio vita…


    Fosti sogno e fosti guida


     


    Ma mentre fo qui queste righe profane


    Sogno che il mare le trasporti in rive lontane


    Che la donna mia possa coglier tra le onde


    Il messaggio che nell’animo mi si fugge e nasconde


     


    Io che di sofferenza e angoscia so nutrito


    T’amo infine come il mare infinito

     
  • 24 ottobre 2006
    Silenzio

    Vago nella notte oscura;

    Silenzio;

    Silenzio;

    Tutti dormono ma io vago

    Silenzio;

    Silenzio;

    Vago e erro tra le onde tempestose dell’animo mio

    Silenzio;

    Silenzio;

    Vago e osservo la città dormiente e io suo sovrano sveglio

    Silenzio;

    Silenzio;

    Vago:non ho tempo per riposare, la vita è fuggitiva e noi fugaci

    Silenzio;

    Silenzio;

    Vago e anche tu mia notte vaghi oscura

    Come me.

    In cerca

    Di una luce

    Nel domani.

     
  • 24 ottobre 2006
    E' la mia maledizione

    Perché t’amo senza volerlo…

    È la mia maledizione…

    L’amare e il non voler amare

    È come il vivere e il non voler soffrire

     

    T’amo mia principessa di terre lontane

    Ma non voglio averti ne posso

    Ma forse un dì capirai che tale poeta

    Morì in un bianco campo di battaglia

    Imbracciando la sua arma più lieta

     

    Morì con sol il tuo nome tra le labbra

    Pronunciato in un ultimo

    Languido

    Fiato di vita

     

    T’amo e non voglio

    La pioggia

    Già la pioggia può cadere

    Ma le piante

    La verdeggiante natura

    Si bagna di freschezza e vita

    Proprio quando io posso soffrir per te

     

    E lento il mio cuore si scioglie

    Come l’affannoso dipinto di chi

    Ormai anziano

    Impiega ore per dipinger su strada santi e madonne

    Vedendole poi sciogliere in un brivido freddo

     

    Perché sei tornata?

    Perché…

    Perché mai dio ti creò come strumento di flagello

    Per il mio cuore

    Dolce flagello dell’amabil soffrire

     

    Lieta te ne stai guardano il tuo uomo

    Quello che tu sogni

    Che tu vuoi e desideri

     

    E io

    Curvo sul piano a scriver queste stanche righe

    Amandoti

     

    È la mia maledizione:

    …è la mia vita…

     
elementi per pagina
  • 13 novembre 2006
    Infanzia

    Come comincia: Ciò che mi consola è che anche le persone che paiono essere così diverse da me, anche quelle prima o poi almeno una volta nella loro vita sono state bambini, innocenti, la cui unica realtà percepibile agli ancora inesperti sensi era quella della fantasia.

    Un mondo perfetto, quasi idilliaco, dove i buoni riuscivano sempre a trionfare contro i malvagi e dove ognuno di noi poteva attraversare terre lontane, mari in tempesta, giungle selvagge, rimanendo sempre e solo nella propria cameretta. Poi un brutto giorno successe che quelli che erano i nostri aitanti eroi incominciarono a invecchiare, ad infiacchirsi; il peso dell’età incominciava a farsi sentire. Tu, anche tu piccolo o piccola eroe o eroina, proprio tu che mi guidasti e mi difendesti da leoni feroci, eserciti agguerriti, e nemici mastodontici, dici di esser stanco?

    Ti capisco.


    Il tempo passa per tutti sai?


    Anche per te…ma purtroppo anche per me…


    Riposa ora.


    Ti lascio sul tuo scaffale,si si, proprio li, dove troneggi rispetto a tutti gli altri giochi…


    Sei l’eroe che più volte ha salvato il mondo…nessuno ti potrà mai sconfiggere!!!!


    Mi dispiace…


    Ora giaci là sperando di finire quelle mille avventure che sono rimaste sospese nella testa di un bambino…


    Ma io


    Io


    Io o non sono più un bambino…


    Sono cresciuto sai?


    Ora ho la macchina, il sabato esco con le ragazze, vado alle feste , e la domenica allo stadio.


    Eh vecchio mio sei passato…è finito il tempo dei giocattoli!


    Sicuro?


    Eppure cosa ti succede quando riguardi quel vecchio e ormai logoro giocattolo?


    Perché ti soffermi? Tu sei grande… che cosa fai?


    Non sei il ragazzo duro che oramai guarda in faccia la realtà e sa di poter affrontare il mondo assoggettando tutti e tutto?


    Se è così… cos’è questa debolezza che ti prende?


    Lo so, hai capito.


    Lo prendi.


    Lo guardi un attimo così, in misto di rabbia e tristezza, vorresti buttarlo via, pum!!!!


    Cancellare il tuo passato, si, perché no?


    Ora prendo e lo butto si, si , io sono grande oramai, io sono forte…


    Ma poi ripensi…


    Già ripensi…


    Lui è il tuo più vecchio amico, quello che non ti ha tradito mai, e che ovviamente ha sempre acconsentito alle tue richieste.


    Finalmente hai capito.


    Lo guardi e cedi.


    Lo stringi al petto, gli chiedi scusa, perdono, quasi avessi ucciso una persona…


    Amico mio, tu mi sei sempre stato affianco e io…perdonami ti prego…


    Ma lui non parla…


    Non può più parlare…


    Eppure tu vorresti che tornasse a parlare, vorresti tornare a combattere al suo fianco contro miliardi di uomini assetati di sangue e vendetta perché lui è l’eroe più forte, lui è invincibile…


    Lui ti ha salvato…


    Ha avuto la sua ultima avventura insieme a te…


    L’avventura della vita.


    A tutti coloro che pensano già di essere uomini e di essere duri e forti, dedico questo mio racconto, perché capiscano che alle volte nella vita non basta dire o provare di esser maturi e cresciuti.


    A volte il ricordarci chi siamo e come siamo diventati quello che siamo ci aiuta molto di più di cercare di essere ciò che non si è.


    A tutti coloro che come me amano sognare di un mondo migliore.


    Dedico la mia infanzia.

     
  • 13 novembre 2006
    Vacanze di vita

    Come comincia: Lui rivedeva i momenti della sua vacanza.

     


    Lui riviveva i momenti della sua vacanza.


    Avanza con passo deciso, il passo di colui che sa cosa dovrà fare , cosa sarà costretto a fare. Ogni tanto la sua camminata decisa e imperturbabile veniva interrotta da fugaci movimenti della testa, degli occhi…


    Lui la cerca


    Lui non la trova


    Eppure decide di non interrompere la sua camminata, no non ora.


    Lui avanza sempre deciso per la sua strada.


    E intanto mentre percorre a passo lento la strada per il porto,percorre a passo molto più rapido e spedito le strade dei suoi pensieri.


    Ripensa al primo giorno quando è arrivato.


    Da solo, una vacanza in compagnia solo di un libro , e ovviamente in compagnia di se stessi.


    Ripensa alla prima volta che l’ha vista.


    Troppo indaffarata ad accogliere gli altri ospiti , troppo impegnata a sfoggiare sorrisi a trentadue denti per mostrarsi sin da subito gentile e disponibile,


    Troppo gentile, lui la fissa


    Troppo disponibile, lei lo nota


    I loro sguardi si incrociano,così,per la prima volta,come si possono incrociare gli sguardi di miliardi di persone


    Troppo impegnate a cercare di recitare al meglio la propria parte nel cortometraggio della vita.


    Lei avanza verso di lui.


    Lui la guarda come in trance.


    Non si sono mai visti prima eppure per una settimana diventeranno fratello e sorella, e la cosa bella sapete qual è?


    Che né lui né lei in quel momento possono immaginarlo.


    Lui continua la sua incessante fuga verso il porto. Fugge da una realtà troppo perfetta, quasi diretta nel migliore dei modi dal migliore dei registi.


    Perché?


    Già perché? Sapete a volte un perché, una semplice e quotidiana parola di sei lettere, pronunciata almeno una decina di volte da un comune uomo, può essere un sassolino nella scarpa anche per il più certo degli uomini.


    Lui adesso è un uomo pieno di certezze. Un uomo nuovo. Ma fino a che punto queste certezze possono stare in piedi, fino a che punto possono essere chiamate certezze?


    Guardando dritto davanti a se, scorge la spiaggia, e non può fare a meno di ripensare alle interminabili notti, passate con i camerieri dell’albergo, anche loro divenuti inconsciamente suoi fratelli e inseparabili compagni di bevute e di indimenticabili notti passate in una discoteca dal tipico sapore vacanziero, dove tra un bicchiere , quattro chiacchiere, e due mosse stupide per fare i fighi in pista ,si consumavano le serate.


    Perché allora lasciare tutto questo?


    Ricorda gli occhi color verde della ragazza seduta dietro il bancone della reception. Anche lei divenuta a far parte di questa famiglia.


    Ricorda i pomeriggi passati in barca dove aveva imparato a conoscere fino in fondo le bellezze di quelle isole.


    Lui ricorda il sole, il sapore del mare,il vento fra i capelli, quella strana sensazione che ti da il sale marino sulla pelle.


    Lui ricorda lei stesa sulla prua di quella barca piena di tanti altri turisti che sembravano quasi dissolversi con le onde che si stagliavano sulla barca.


    Per lui adesso esiste solo lei.


    Lei si alza dalla prua e scuote il telo dove era sdraiata prima. Lui allora decide di alzarsi e andarle incontro.


    Ora sono entrambi in piedi sulla prua pronti per tuffarsi in quel mare che pareva esser vetro trasparente, liscio , piano , cristallino. Ma la tentazione di romperlo è troppo forte.


    Lui guarda lei.


    Lei guarda lui.


    Cercano nei loro occhi la fiducia, quasi il coraggio di compiere quel gesto.


    Si buttano, riemergono, si guardano, sorridono.


    Lui pensa e prosegue entrambe i cammini e mano a mano che procede verso il porto pensa, ricorda,rivive. Ma le sue certezze a mano a mano crollano come pezzi di scoglio colpiti da una forte mareggiata.


    Lui vuole voltarsi.


    Ma sa che così facendo tradirà se stesso.


    Lui sa cosa vedrà quando si sarà voltato.


    Tuttavia non vuole, non può.


    Ormai la sua ora è giunta. Il suo traghetto sta per partire deve affrettarsi.


    Tuttavia lui si blocca. Dialoga col suo compagno di viaggio, l’unico con cui è venuto e decide di chiedersi un’ ultima volta


    Perché?


    Lui decide di girarsi,sa cosa vedrà.


    Si gira.


    Ora davanti a lui vi è ciò che si aspettava. Il mare, la costa, e le barche dei pescatori che escono per portare da mangiare alle proprie case. Il sole che sorge. E di fronte alle sue incertezze e ai suoi perché di fronte a quel paesaggio idilliaco così perfetto decide che in mezzo a tante incertezze vi è una cosa certa…


    La vita continua.


    Sorride, si volta.


    Ora è pronto per ripartire.

     
  • 06 novembre 2006
    Freddo

    Come comincia:

    Freddo.

    L’unica parola che mi viene in mente ripensando a quella sera.

    Nell’aria il sapore di terre lontane e nel cuore il freddo di un inverno che stentava a morire.

    Ho vaghi ricordi di quella sera, frammenti più che altro , che si spargono come i pezzi di un vetro infranto  da uno sparo che rende fredda quella che poteva essere una calda ed accogliente casa.

    Un altro fallimento per me, un’altra parte del mio cuore che smette di splendere e si ingrigisce tra i fumi che si respirano in questa città; Fumi che sembrano inquinare l’animo di chi li respira. Siamo tutti sotto lo stesso tetto e probabilmente moriremo tutti sotto questo.

    Rifletti vecchio c’è qualcosa che non torna,  un dettaglio , un qualcosa che nella fugacità del momento sarà sfuggito a te, che mentre ti godevi la scena con la stessa freddezza con la quale un assassino punta il suo mirino, sorseggiavi l’ultimo dei ritrovati tra i super-alcolici pregando qualche dio nascosto che quello schifo che con tanta fierezza bevi possa cancellarti dalla mente quanto stai vedendo.

    Diceva di essere tua.

    Diceva per me esisti solo tu, per me sei il principe, e io sono la principessa, insomma:un gioco che tutti prima di pregustarsi una calda notte d’affetto avranno fatto almeno una volta nella loro vita.

    Stai vagheggiando vecchio, concentrati…

    È bello pensare quanto sia difficile e complesso creare qualcosa e quanto invece sia ancora più facile distruggerla.

    La guardi. Non riesci proprio a convincertene eh?

    Eppure tu…si tu patetico fallito…lo hai sempre saputo che sarebbe finita così.

    Eppure perché? Cosa speravi di ottenere?Hai sperato davvero che per una volta l’amore potesse trionfare?

    Hai sperato davvero questo?

    No,no, ora capisco…

    Hai sempre saputo di essere un perdente ma per una volta hai voluto dimostrare che non era così.

    Che anche tu potevi averla vinta una volta tanto, che anche tu potevi avere qualche soddisfazione.

    Che anche tu potevi essere rosso…e non grigio.

    La musica tuonava in una tempesta di fumo e alcool..

    E lui caro vecchio amico ti si avvicina con fare di chi si pente di averti investito il gatto.

    Scusami ti dice.

    Io ci tengo alla tua amicizia.

    Lo guardi negli occhi. Non abbassare lo sguardo ,vecchio. Non ora.

    Lui continua a parlarti a dirti frasi e parole che tu riesci a cogliere minimamente. Ricordi, sei naufrago di una tempesta.

    Finisce di parlare.

    Stringi i pugni. Pronunci qualcosa che si perde nelle onde e nel vento, lui si avvicina come per porti l’orecchio e capire.

    Colpisci vecchio, colpisci.

    Cosa aspetti, fagli perdere la voglia di posare quelle labbra su quelle della tua donna amata.

    Stai per colpire. Rimani freddo impassibile come prima di battere un rigore.

    Alzi la mano, indietreggi il braccio:un gancio da manuale.

    Lui è ancora con la guancia rivolta verso di te.

    Ogni singolo muscolo della tua faccia si contrae in un misto letale tra il dolore e la rabbia.

    Scocchi il pugno.

    Stai per toccare la sua faccia…

    Aspetta…aspetta però…

    Cosa c’è ora? Perché ti sei fermato?Cosa ti ha fatto cambiare idea?

    Capisco…non puoi…

    La rivedi e ricordi.

    Rivedi i suoi occhi. Si,si, quelli stessi che ti hanno fatto sognare rive isolate e paesaggi lontani.

    Ti amo principessa.

    Ti amo e ti odio.

    Ritrai il pugno. Prendi la giacca. Vai via.

    Prima di andartene però vuoi rivederlo.

    Rivedere ancora quello sguardo.

    Quello sguardo che ti ha dato la vita e che poco a poco

    Te la sta togliendo.

    Addio principessa. Non ti scorderò mai.

    Sei fuori dal locale, dalla tempesta.

    Decidi che per quella sera sei sufficientemente fatto,quindi di fare un giro in riva al mare.

    Sei solo.

    È strano.

    Eppure li in quella riva volevi essere in sua compagnia, guardarla negli occhi, respirarla, poterla amare, e viverla.

    E invece sei solo.

    Rifletti.

    Il tuo spolverino nero si piega alla brezza. Come il tuo animo del resto.

    Guardi le stelle.

    Quante volte hai paragonato quegli occhi alle stelle, quante  e quante volte ridevi di quando lei ti diceva mi lasci senza parole.

    Pioveva la notte nella quale l’hai potuta avere.

    Anche solo per un attimo. Per un fugace attimo, che è stato in grado di aprirti le porte del paradiso.

    Provi un caloroso affetto quando ripensi a quegli attimi.

    Ma ora è tutto finito.

    Guardi l’orologio. È tardi il sole domani sorge anche per me.

    Una lacrima scende sul tuo viso.

    Addio principessa, ti amerò per sempre.

    Chini il capo, ti giri, te ne vai.
    Freddo: l’unica parola che mi viene in mente…