username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Vittoria Carrassi

in archivio dal 17 mag 2012

03 aprile 1966, Brindisi - Italia

mi descrivo così:
I  miei scritti,  parlano di me ...lascio agli altri il giudizio...

19 giugno 2012 alle ore 9:06

Preghiera di un pescatore

Na notti ti malitiempu
mi vutàva e rrivutàva ntra lu liettu
e nò mi vinìa suennu.
Li pinzieri scìunu
e viniunu comu nu schifarieddu
quandu a nu certu mumentu
na spiranza mi nascìu ntra lu cori
e tissi na prichiera allu Signori:
"Signori mia fammi campà cient'anni
e di li fili mia lluntana li malanni
e ci lu malitiempu faci passari,
putimu ti pressa salpari.
Nò sta vesciu l'ora cu lucesci,
sta sentu già l'addori ti lu pesci,
m'immagginu, iu trittu, allu timoni,
li iùnduli ca s'azunu allu vientu
e puè sintì a ci uèi pi tistimoni
ca sontu galantomu e via scurrendu
e nò aggiu fattu mai lu bricanti
e cu la rezza chena
nò fazzu lu sbafanti.
L'atri marinari si passunu la voci
ca l'acqua ti lu mari è casa mia,
sò statu e sontu ciucciu ti fatìa,
a mienzu all'ondi liberu e cuntientu
ma ci rimagnu a nterra
è nu turmientu
Li cristiani sobbra a sta Terra
nò sò filici,
sannu parlari sulu ti turnìsi,
vòlunu li numbiri puru ti l'amici,
s'hannu scurdatu ormai
t'la cumparanza.
Perciò, SIGNORI mia,
ci m'ha pigghiatu a simpatia,
fammi sta curtisia,
fani splendiri lu soli
e lluntàna li nuvuli molesti,
ca comu ticìa ttànuma bbonanima.....
POVIRI MA ONESTI !!!..."

( Da: ho legato il biglietto a un palloncino di Vittoria Carrassi)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento