username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti


elementi per pagina
  • 20 settembre 2011 alle ore 16:32
    La torre (di babele)

    Torre sanguigna che cercasti tal fortuna,
    Noi condannasti a grida di furore,
    Sotto quanta luna...

    Lacrime di uomini serbasti in tanta altura,
    Lacrime scarlatte del nostro corpo, o mia creatura.

    Mani palpitanti tra urla ed ardimenti,
    Cuore screpolato in avidi frammenti.

    Caduco gioiello dal tempo 'sì abissale,
    Caduco germoglio di una fatua linea astrale:

    Io fui lì, a morire nel guardare.
    Io fui lì, a morire nel creare.