username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alba Gnazi

in archivio dal 21 gen 2016

Roma - Italia

21 gennaio 2016 alle ore 20:20

Luccicanze

di Alba Gnazi

editore: Cicorivolta

pagine: 100

prezzo: 8.50 €

Acquista `Luccicanze`!Acquista!

Una silloge che per dirla alla Stanley Kubrick, richiama l'irresistibile fascino dello shining, vestendo la parola di una luccicanza che sembra avere in sé qualcosa di soprannaturale. Un folgorio di emozioni che - tra invocazioni, segreti desideri, coraggiosi richiami, abbagliano nella policromia del sentire e donano forza al verso - potrebbero benissimo riempire tele o pentagrammi.
Questo intercalarsi e trovare la via tra i più/meno/diviso della vita. Un ritorno alle origini, alla nostra memoria, a quel bambino. Sogni che attraversano un volere, un futuro migliore per non avere più voglia di vedere la sofferenza. La parola diventa un'arma e la voce un canto:

Voglio solo
stuprarmi
incantarmi
insozzarmi
dimenticarmi
tra le parole.

Alba ricorda molto la letteratura barocca della seconda metà del '500-'600, caratterizzata dall'estrosità e dalla facilità con cui conduce la sua penna e dal gusto di intingere senza paure anche dove non è semplice. Il suo senso civile, e la denuncia contro gli orrori e l'indifferenza, manifesta il divenire testimone di una poetica viva, che si incarna in quello che i sensi percepiscono, opponendosi a facili costrutti e trovando nella ricerca e in una nuova e migliorata realtà, lo scopo e una bellezza opposta alla mera apparenza.

Fai piano con
gli scarponi e il fiato, macchiato
da un singhiozzo; il colpo di tosse
da una volta sola,
da un unico addio.

Liriche che seducono, splendono, traslucidano quel mistero, cercando di trovare nel dubbio la soluzione che può guidare i passi umani, senza perdere di vista la personalità o quello che abbiamo intorno.

Danzavamo la danza delle api,
piccola madre, col falò in veglia
e la polvere a far festa sui muri;
oscurità di battute terre
tra le dita, sulla bocca, sui piedi
tenuti in piedi dall'abbraccio

In moti continui, creativi, la Gnazi instancabilmente si affianca al tempo, progettando un'intesa comune, nonostante il caos interiore ed esteriore cerchi di alimentare le tragedie, la guerra, gli schianti e i ghiacci che "intermezzano" nella nostra umana quotidianità.
Alba gioca con i frammenti della sua luce, trovando così la Magia nelle piccole cose e reazione anche negli sbagli. Una prospettiva che può sbriciolare la negatività e la precarietà, e con passione, talento e follia trovare:

nei risvegli di perla e radio
e piedi e latte e nervi
quanto basta
quel che basta
per bastarci.

Basta una chiave per aprire un immenso portone, basta un niente per risucchiare nel limbo o per rigenerarsi. Che sia la via dell'airone o un Moonlight day?
Questo poco importa, poiché quello che conta è continuare a camminare con la speranza, senza timore di specchiarsi nelle pieghe della pelle ma ironizzando, rispondendo e ascoltando anche i cambiamenti.

recensione di Dulcinea Annamaria Pecoraro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento