username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

03 giugno alle ore 18:32

Che s'ha da fa' pe' campa'!

Intro: Il denaro noin farà la felicità ma aiuta tanto!

Il racconto

Non era facile sorprendere Alberto M. un fustaccio da un metro e ottanta “désiré par les femmes” sempre allegro, sorridente e disponibile ma la notizia era veramente ferale: la notifica di chiusura della filiale di materiale fotografico e di hy fy della ditta Ferlazzo, la maggiore di Messina. Quale direttore aveva uno stipendio decisamente consistente che gli permetteva di  condurre una vita agiata unitamente alla gentile consorte Anna M.. la quale aveva preferito fare la casalinga e la mamma alla  figlia Melania,  ormai diciassettenne anche lei alta, bruna come i genitori e molto attraente. La notizia era stata comunicata ai membri  della famiglia alle tredici e, ovviamente, aveva gettato in disperazione anche ambedue le femminucce. Era noto che trovare un posto se non  di prestigio ma almeno dignitoso era impresa quasi impossibile. Alcuni amici di Al., funzionari di ditte in altri campi avevano fatto la sua stessa fine e le mogli, in passato eleganti e che frequentavano l’alta società si erano viste costrette a far le badanti a persone anziane. Al. il pomeriggio era tornato in ufficio per dar le consegne all’incaricato della ditta con sede principale a Catania e poi si era messo a gironzolare per la città, non se la sentiva di rientrare a casa ma quella passeggiata lo depresse ancor più: alla stazione si accorse di mendicanti sia italiani che stranieri, mai la lui notati in passato, che allungavano una ciotola per chiedere la carità, capì che quale capo famiglia doveva prendere in mano la situazione. Sotto casa sua una villetta in affitto in via Maregrosso  c’era una falegnameria ed il titolare, come ogni volta, lo salutò con la solita deferenza: “Baciamo le mani dottore!” Di rientro a casa cercò di dimostrarsi ottimista con Anna e Melania:
“Troveremo una soluzione.” Anna. anch’io cercherò di darmi da fare come commessa, ci so fare con la gente, non dovrebbe essere difficile.” Invece lo era, ogni negozio visitato era in crisi ed i titolari erano costretti a licenziare i dipendenti altro che assumere! Nei giorni successivi si spinse nel campo dei professionisti: era laureata in lettere e si arrangiava in ufficio e col computer. Il primo che contattò era un notaio, famoso in città piuttosto avanti negli anni che la fece accomodare ed esprimere i suoi problemi poi si alzò e da dietro le prese il collo in mano e tentò di baciarla. Anna gli mollò un ceffone e sparì dalla circolazione ma capì che la storia si poteva ripetere in simili occasioni, non era una puritana ma non se la sentiva di fare la prostituta. Non mise al corrente dell’episodio il resto della famiglia, non sarebbe servito a niente, disse solo che aveva incontrato dei dinieghi alla sua richiesta di posto di lavoro. Anche Alberto era andato in bianco, la famiglia andava avanti con i risparmi ma sino a quando? Un giorno a pranzo una sorpresa: Melania frequentava l’ultimo anno del liceo classico, aveva come compagni di scuola anche ragazzi di famiglia agiata e frequentava la casa di un collega tale Augusto P., dire  casa era un diminutivo, i genitori del ragazzo erano proprietari di vari immobili in città, a Torre Faro abitavano d’estate in un villa a pochi passi dal mare dove spesso Melania veniva invitata dal collega Augusto con l’assenso dei suoi genitori, specialmente del padre Arturo P. che aveva uno ‘sguardo’ particolare per Melania. Le peregrinazioni di Alberto e di Anna alla ricerca di un posto di lavoro erano giornaliere ma senza risultati, la disperazione di stava impossessando dei genitori di Melania che un giorno si presentò in casa con una busta: “Questa è da parte di Arturo e della moglie Doris M. Perplesso Alberto aprì la busta e sorpresa sorpresa comparvero €. 5.000 in contanti. Melania: “I genitori di Augusto. mi hanno detto che è un prestito in attesa che troviate un posto di lavoro inoltre mi hanno accennato al fatto che la loro villetta, che si trova lungo la Panoramica è composta di tre piani di cui due vuoti, qualora voleste potremmo occuparli, sempre che siate d’accordo.” La manna o il cacio sui maccheroni quella proposta, Alberto non pagava l’affitto da due mesi ed il padrone di casa, vecchio spilorcio, ne aveva chiesto lo sgombro. Il trasloco fu effettuato dalla ditta Minutoli il cui proprietario era amico di Arturo. Dopo i primi momenti di disagio per il trasloco Alberto, Anna e Melania poterono apprezzare sia l’abitazione che il bellissimo panorama della Calabria. C’era pure una piscina, un campo da tennis ed un vasto giardino. Il pranzo di inaugurazione fu stabilito dovesse essere effettuato al ristorante ‘La Sirena’ sul lago di Ganzirri: Melania vicino ad Augusto, le due mogli si scambiarono i posti vicino ai rispettivi mariti. Il padrone del locale alla fine del pasto offrì dello spumante ai sei che ne apprezzarono anche una seconda bottiglia con la conseguenza che, al rientro in villa, i signori erano  tutti un po’ brilli e si misero a ballare con dolci musiche di sottofondo e con scambio di consorti. Alberto si accorse che Anna si trovava a suo agio fra le braccia di Arturo. e così anche lui ne approfittò con Doris. Verso le sedici Arturo:”Tutti in branda!” Si ritrovarono verso le ventuno dinanzi alla TV ma non pensarono alla cena, ancora non avevano digerito il pranzo. Alberto e Anna ovviamente il giorno successivo ripresero a girovagare in cerca dell’agognato posto di lavoro, Melania ed Augusto all’università, ARrturo, il più fortunato in piscina e Doris con la cameriera a preparare il pranzo ma non si lamentava, di solito era sola in casa e quella compagnia rumorosa le risollevava lo spirito. More solito si ritrovavano tutti insieme per la cena, ormai era abitudine che le signore si scambiassero il posto vicino ai mariti i quali non solo non protestarono ma mostravano di gradire…Viste inutili le ricerche di un’occupazione di Alberto e di Anna, Arturo propose ad Alberto di aprire, a sue spese,  un negozio di  materiale fotografico e di di hy fy in un locale di viale S. Martino, locale di sua proprietà andato sfitto. Alberto  riprese contatti con la ditta Ferlazzo, sua precedente fornitrice che, con un deposito di €. 50.000 (ovviamente sborsati di Arturo), provvide ad inviare macchine fotografiche di ultima generazioni e tutte le novità in fatto di hy fy. Anna talvolta aiutava il marito in negozio, altre volte restava a casa ad aiutare Doris. Una volta Alberto non si sentì bene di stomaco e rientrò in villa lasciando Anna al suo posto ma… mal gliene incolse. Stava per entrare nella sua camera da letto al secondo piano quando sentì risate e schiamazzi al piano inferiore. Aperto uno spiraglio della camera da letto del padrone di casa ebbe un colpo allo stomaco. Melania, completamente nuda, saliva e scendeva dal letto e poi ci girava intorno inseguita non da Augusto ma dal padre anche lui nudo e con la… spada sfoderata! Delusione, rabbia tristezza e poi mancanza delle forze consigliarono Alberto di recarsi in camera sua buttandosi sul letto con tutte le scarpe. Forse un calo di pressione o le emozioni provate portarono Alberto in braccia a Morfeo. Mercurio, suo dio protettore era in tutt’altre faccende affaccendato (a corteggiare Erse) e così non era riuscito a proteggere lo sfortunato Alberto il quale  rientrò nella realtà dagli scossoni della moglie: “Sei a letto con tutte le scarpe!” Alberto si mise a piangere, era più forte di lui, forse era indice nella vicina vecchiaia ma forse era stato lo choc subito. Anna da donna intelligente capì la situazione, lei già sapeva della relazione fra Melania ed Arturo ma prudentemente, anche se con dolore nel cuore, aveva fatto finta di niente. Sarebbero successi troppi casini e la loro vita agiata…Alberto ed Anna accusarono un malore e non scesero a pranzo. Alberto si rese conto che tutti sapevano tutto tranne il giovane Augusto ancora troppo ingenuo per capire certi intrecci amorosi, spiegarglielo a parole? Meglio di no, non era possibile conoscere la sua reazione ed allora le due signore (ricordiamoci noi maschietti che le donne  sono sempre più furbe di noi!) gli tesero una trappola: una sera a cena riuscirono a farlo bere un bel pò di Caffè Sport Borghetti liquore a base di caffè e, un po’ brillo, lo portarono in camera sua dove Anna rimase a fargli compagnia mentre sua madre si ritirò in buon ordine. Augusto si ritrovò presto nudo massaggiato e spompinato dalla brava Anna che ce la mise tutta anche nel farsi penetrare nel deretano per evitare indesiderate gravidanze. Augusto decisamente distrutto sessualmente, prese la via del sonno profondo ma, al risveglio, ebbe la sorpresa di trovarsi sul cuscino uno slip da donna viola che non ricordava mai visto indossato da Melania. Pian piano riuscì a ricostruire i fatti della notte passata e cominciò a ragionare: sicuramente aveva avuto un rapporto sessuale con Anna che non poteva certo confessare alla fidanzata per evitare casini e poi quell’ingresso nel bel sedere di Anna lo ricordava bene e gli era piaciuto particolarmente, ‘turbamentum magnum dilabuntur’ insomma un casino generale! Le signore avevano ottenuto quanto si erano prefisse ed ora si poteva stilare una formazione come nel calcio: Arturo con Melania,  Augusto, scompagnato, con Anna ed infine Alberto con Doris. Non che mancassero le ‘invasioni di campo: Alberto talvolta ‘incontrava’ la legittima consorte, Arturo ’vedeva’ Doris ed infine Augusto la deliziosa Melania che non aveva mai dimenticato ed allora si poté ben dire : ‘concordia magna dilabuntur’ anche se il collante era stata la ‘pecunia non olet!’ Fatevi tradurre quello che non avete capito o meglio studiate il latino!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento