username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

07 maggio alle ore 17:54

CHI LA FA...

Il racconto

Fausto si considerava un uomo fortunato e lo era. Appena laureato in medicina e poi specializzato in ortopedia e traumatologia era stato preso sotto l’ala protettrice di Alessandro celebre chirurgo di quel settore che era il primario ed il padrone  della clinica privata San Francesco in viale Principe Umberto a Messina. Il motivo di tanta benevolenza? L’essere molto bravo nel lavoro in cui si impegnava anche partecipando a congressi nazionali e  internazionali,  di parlare correttamente il francese, l’inglese e lo spagnolo, quest’ultima lingua di famosi chirurghi ortopedici. Ambra, la figlia  di Alessandro, era impiegata  ufficialmente nel settore di amministrazione della clinica, in verità in ufficio ci si recava ben poche volte impegnata in ‘approcci ravvicinati’ col personale maschile della Casa di Cura. Quella ‘qualità’ era stata da lei ereditata dalla madre dal nome di origine greca di Artemide, per i romani Diana, dea dedita alla caccia, nel caso in esame alla caccia di maschietti. Artemide non era una gran bellezza, piccola di statura ma dal corpo armonioso aveva un passo deciso da militare e quando desiderava una cosa  l’otteneva, uno dei suoi maggiori desideri erano quelli relativi alle prestazioni di sesso di cui aveva fama di essere particolarmente dotata. Aveva ‘messo gli occhi’ su Fausto, dal fisico vigoroso che non la considerava perché impegnato nel lavoro e nello studio. Figlio di una coppia modesta, padre falegname, madre casalinga conosceva bene il significato della parola sacrificio che soprattutto i suoi avevano compiuto per farlo studiare sino alla laurea. Fausto era stato messo in cattiva luce col marito Alessandro da parte di Artemide per quel rifiuto ma il titolare della clinica, conoscendo bene la consorte non se n’era dato per inteso. Un mattina, cosa insolita, in ufficio era presente Ambra particolarmente allegra ed in piena forma, in quel momento stava mettendo in mostra  le qualità del suo nome che significava ‘avere capacità comunicative di chi sa imporre le proprie idee.’ Chi gli capita in ufficio? Fausto  che aveva bisogno di conferire con lei per organizzare un’operazione chirurgica di particolare difficoltà. “Tó che si vede, il secchione amico di papà e forse di mamma, che posso fare per te?” ”Dato che hai preso tu l’argomento vorrei diventare amico tuo ma vedo in giro troppa concorrenza!” “Dove sta il tuo spirito di iniziativa, come uomo sei pregevole, ti piace l’aggettivo pregevole, quando vuoi sono addisposizione come da dialetto messinese.” “Devo chiedere l’autorizzazione a tuo padre, abbiamo…” “Basta fare il cagnolino obbediente, ti porterò in un locale favoloso a Catania dove mi dicono si mangia benissimo, mi sembra che tu abbia bisogno un po’ di nutrimento, ci parlo io con mio padre.” E così fu, Fausto giunse a Galati Marina nel cortile della villa  della ragazza con la sua Cinquecento un po’ datata. Ambra: “Dove vai con stá carriola, entra nella mia Stelvio, guida tu almeno fai la figura del ricco  sportivo che dall’aspetto non mi sembri.” Fausto dimostrò il contrario partendo con una sgommata  e, presa l’autostrada seminò tutte le auto dinanzi a lui.” “Va bene, hai dimostrato che sei un nuovo Schumcher, entra nel casello di Taormina, ci rechiamo in un  ristorante che non conosco, me l’hanno magnificato, si chiama ‘Porta Catania.’ Il locale dava l’impressione di essere il proprietario persona dai gusti raffinati, si trattava invece di una signora che si presentò al tavolo dei due,  era una donna elegante, robusta, capelli corti, palestrata sguardo intenso insomma decisamente mascolina. “Sono Ellen, è un piacere accogliere una sí bella coppia, specialmente lei madame con quegli occhi verdi ed il fisico longilineo, se me lo permettete provvederò il al menù e vi farò compagnia al tavolo.” Fausto ed Ambra si guardarono in viso ridendo, una vera dichiarazione di ammirazione. La proprietaria aveva colto nel segno, Ambra era bellissima in un tubino nero, di altezza superiore alla media spiccava per beltà sulle altre signore del locale. Nel frattempo si era avvicinato al tavolo un giovane che: “Cara Ambra è un bel po’ che non riesco a rintracciarti né in casa né in ufficio…” “Ecco bravo non rintracciarmi mai più anzi fai una cosa: fai a farti fottere!” Il cotale guardando la stazza di Fausto, con la coda fra le gambe andò a ‘farsi fottere’. “Uno sciocco non ricordo nemmeno come si chiama in ogni caso non si infastidisce una signora che è in buona compagnia.” “Grazie per l’aggettivo buona allora ho qualche speranza?” “Sei spiritoso, ti rispondo che dipende da te, se troverai del tempo per coccolarmi senza andare in clinica…” “Ho molte ferie arretrate, tuo padre non mi dirà di no, spero di avere un mese libero, abito in via Santa Maria dell’Arco, mi vien da ridere dato che sono ateo ma da queste parti si pensa molto alle chiese, alle cerimonie religiose, alle feste che mobilitano l’intera città e villaggi, a processioni con grande partecipazione popolare senza pensare a migliorare la vita dei cittadini. Un mio amico, direttore di  banca mi ha confidato che ci sono a Messina perlomeno dieci persone molto ricche che preferiscono tenere i soldi in titoli piuttosto che rischiare creando posti di lavoro..scusa ma talvolta mi lascio prendere dalla foga, pensiamo a noi.” Un cameriere in divisa portò in tavola tante qualità di pesce, dalle aragoste, ai calamari, alle spigole alle sardine. I due fecero onore alla cena sino al classico ananas seguito da un caffè di qualità arabica veramente eccellente.  Nel frattempo era accaduto qualcosa di non previsto: Ellen, seduta al tavolo aveva messo un suo piede fra le gambe di Ambra che si mise a ridere fragorosamente attirando l’attenzione dei clienti del ristorante. “Cara Ellen non ti offendere ma io amo i piselli soprattutto quelli grandi ed in forma, i fiorellini non sono di mio gusto!” Ellen era sparita in fretta, per lei non c’era trippa pé gatti come si dice a Roma. Ambra stavolta prese lei il volante della Stelvio senza spingere troppo forte sull’acceleratore, allungava la mano destra verso la pattuella di Fausto. Il sottostante ‘ciccio’ alzò la testa facendo ridere Ambra: “Volevo vedere come reagivi…” “Insomma prima di acquistare assaggiare la merce!” “Non la mettere così, mi sei piaciuto appena ti ho visto ma tu eri ‘in tutt’altre faccende affaccendato…’” “’a questa roba morto e sotterrato’ conosco la poesia del Giusti. “Pace.” “Pace.”D’iniziativa di Ambra un bacio ricompose la controversia fra i due. “Andiamo nella mia villa, ci sono tre piani e nessuno ci disturberà, ti darò un pigiama di mio padre.” “Allora hai deciso di…” “Non penso che ti faccia schifo!” “Non credi che siamo un po’ troppo litigiosi, anch’io ti avevo notato ma avevo anche notato una moltitudine di giovani che…” “Esagerato, una moltitudine, manco fossi Messalina!” In camera la scoperta dei due corpi, ambedue bellissimi e soprattutto eccitati, dopo il bidet di rito:’allons enfants de la patrie le jour de la gloire est arrivé!’ Così iniziò la liaison fra i due che giravano per casa senza destare la curiosità dei genitori di lei né della servitù che doveva essere abituata a…Grandi passeggiate nel giardino con annessa uccelliera, amicizia di Fausto col pastore tedesco Full custode dell’abitazione, cene a Taormina in altro locale per evitare le avances di Ellen ma al ventesimo giorno Alessandro:”Giovanotto ti sei rilassato abbastanza, ti aspetta un congresso a Barcellona in Spagna, ci sono novità riguardanti ultime tecniche ortopediche, partirai fra due giorni, fammi sapere.” Era un ordine ed a Fausto non restò che ubbidire. Fu accompagnato all’aeroporto di Catania da un’Ambra rattristata, si era abituata alla compagnia ed alle prestazioni del giovane. Fausto trovò un alloggio già prenotato vicino alla sala delle conferenze, conobbe un luminare del settore tale Rodriguez con cui, dopo le lezioni, scambiava pareri clinici. Al primo week end Fausto fu agganciato da una collega di corso, spagnola, che: “Sono Belinda ti chiedo un favore, vorrei esercitarmi nella tua lingua, non ho tempo di andare a lezione.” Fausto sorrise, capì che la ragazza aveva sfornato una fandonia, parlava perfettamente l’italiano, forse voleva approfondire l’italiano in altri campi. Il suo nome corrispondeva alla sua persona: dolcemente luminosa, la sua conoscenza ne valeva la pena. Belinda fece da cicerone a Fausto che, non molto amante di monumenti, (ce n’erano tanti in Italia), preferì entrare in un  ristorante tipico dove furono accolti da un gruppo di chitarristi che stavano suonando musiche messicane e che s’inchinarono al loro ingresso. Si presentò il padrone del locale: “Bienvenido a mi modesto restaurante, el menú es fijo, solo puedes elergir vino o cerveza.” Belinda scelse la birra, evidentemente voleva avere il partner in piena forma. Andarono nell’alloggio di Fausto e passarono due giorni d’incanto, il lunedì di nuovo lezioni che terminarono il mercoledì; Belinda accompagnò Fausto a ‘El Prat’, l’aeroporto di Barcellona e lo congedò con un lungo bacio di ringraziamento, non avrebbe dimenticato il bell’italiano. Era un luglio afoso, Ambra non sopportava l’aria condizionata dell’ufficio: “Papà vado nell’isola di Panarea in compagnia di alcune amiche, ci rivedremo…non so quando, a te buon lavoro.” Ambra ricordò che Fausto le aveva raccontato quando da giovane studente era andato in gita con la scuola a Panarea ed aveva stretto amicizia con Marina la figlia di un possidente di quell’isola che aveva fatto fortuna acquistando, a poco prezzo le case lasciate libere da abitanti emigrati in Australia. L’isola era diventata famosa allorché il regista Antonioni vi aveva girato il film ‘L’Avventura’ con Monica Vitti e Gabriele Ferzetti. Fausto era rimasto in buoni rapporti con Marina, spesso si sentivano per telefono, era stato  il loro primo flirt e come tutti i primi amori…Durante la permanenza nell’isola Ambra non era stata con le mani in mano nel senso che partecipava a tutte le feste date sulle loro ‘barche’ dai proprietari di yacth ormeggiati in rada ‘conoscendo’ molto da vicino vari maschietti che apprezzavano le esibizioni della ragazza che si era presentata a Marina come ‘molto amica’ di Fausto. Il giovane era rimasto nel cuore della isolana che comprese  che c’era stato del tenero fra i due. Per gelosia, via telefono, fece partecipe  Fausto delle numerose avventure della sua conoscente comunicandogli anche che sarebbe giunta a Messina dove era proprietaria di una abitazione in via Ducezio. Quella telefonata aveva riportato Fausto ad anni addietro quando era ancora studente, una rimembranza gradevole, in passato avrebbe voluto incontrare di nuovo Marina ma causa il lavoro non c’era riuscito, ora… Appuntamento in via Ducezio alle diciassette di un sabato pomeriggio, grande sorpresa: Marina non era più la legnosa teen ager che Fausto aveva conosciuto da giovanissimo, era diventata una donna estremamente attraente oltre che elegantissima. Un abbraccio affettuoso senza parole, ambedue erano rimasti affascinati, seduti su un divano: “Mio caro mi sembra di essere ritornata ragazzina, ti ho sempre ricordato, avevo fatto anche un pensierino di su te ma la morte dei miei genitori per ictus e quella di mio fratello per un tumore oltre che il lavoro per mandare avanti il mio albergo mi hanno distolto, ora ti ho di nuovo catturato e se sei d’accordo…”Un lungo bacio, Fausto era d’accordo. Il giovane pensò bene di informare del suo  legame  Alessandro il suo primario, non voleva avere guai quando Ambra sarebbe venuta a conoscenza del suo nuovo idillio. Alessandro fu d’accordo col suo dipendente, di cornuto a casa sua ce n’era già uno…

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento