username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

06 settembre 2018 alle ore 9:14

Il risveglio di un uccello

Intro: L'amore può, talvolta, cambiare la vita delle persone.

Il racconto

Gaetano C. , con al braccio la consorte, stava uscendo dalla chiesa di S.Ippolito a Messina quando incontrò Alberto M. suo conoscente il quale: “Gaetanuzzo ti ricorderò nella mie preghiere.” “Albertuzzo, amico mio, lascia perdere, mi manderesti all’Inferno, tu sei ateo.” “Ti sbagli, io sono pagano ed in particolare adoratore di Hermes uno dei dodici dei dell’Olimpo, un po’ come un nostro deputato, quando ho bisogno è lui che…” “Non sei convincente: Hermes, per i latini Mercurio, non godeva di buona fama; astuto, era il re dei ladri, dei bugiardi e degli imbroglioni.” “Mon ami, oggigiorno le persone per bene come te non hanno buona sorte,  quando ogni tanto combino qualche casino ovvero devo venir fuori da situazioni ingarbugliate mi rivolgo a lui, ogni volta gli sacrifico un agnello (ma poi me lo mangio io) e risolvo i problemi. Sto andando a trovare un parrino perché mia vicina di casa Arianna deve fare la cresima, è orfana e vive con i nonni piuttosto anziani, a me quindi il compito di…ma non conosco nessuno.” “Andiamo in chiesa, ti  presento io.” In sacrestia: “Ecco i padri Gino e Igino,  è un caso che abbiano nomi quasi simili, questo è Alberto che deve chiedervi delle informazioni, non è religioso, vedete cosa potete fare.” Il primo aveva una figura elegante, raffinato un po’ femmineo mentre il secondo non gli assomigliava affatto: più basso, brevilineo, probabilmente di provenienza contadina dal faccione cordiale e sorridente. “Padri mi siete simpatici ma vorrei restare pagano senza essere messo al rogo come eravate abituati a trattare nel Medioevo i miscredenti.” “Gino: “Lei un giovane, simpatico, massimo potremmo invitarlo a pranzo.” “Ma non nei giorni di digiuno!” “Gino: “Vedo che lei ha il senso dello humor, io sono laureato in lettere e apprezzo i tipi come lei. Per La cresima le telefonerò, mi lasci un suo biglietto da visita.” Per Alberto era un periodaccio in quanto a denaro: titolare di una fabbrica di elettrodomestici e frigoriferi in particolare, negli ultimi tempi aveva dovuto subire la concorrenza internazionale, soprattutto cinese, e quindi la merce si ammonticchiava in magazzino non venduta. “Alberto convocò i cinque suoi operai facendo presente la situazione, peraltro a loro nota, prospettando un eventuale licenziamento. Alberto, come promesso, fu invitato dai due sacerdoti a pranzo e, poiché la moglie Anna M. era dalla madre ammalata, si portò per compagnia Sonia ed Alfredo F., figli di un suo dipendente, ragazzi belli, giovani e pieni di vita.  Al loro ingresso ebbero un’accoglienza particolare: Sonia da parte di padre Igino che le fece tanti complimenti mentre Alfredo fu quasi preso in ostaggio da Gino che:” Che bel giovane, se ti devi confessare vieni da me!” Alberto si rese subito conto della situazione e dentro di sé si fece matte risate: un omo ed un mandrillo! A pranzo parlando in generale del più e del meno venne fuori la storia del probabile fallimento della fabbrica  di Alberto che quasi non riusciva quasi più a parlare, anche i due ragazzi sapendo che il loro padre poteva essere licenziato, divennero scuri in viso. A mutare l’atmosfera fu padre Gino il quale: “Amici miei, permettetemi di chiamarvi così, forse posso risolvere io la situazione, io sono diciamo piuttosto ricco di famiglia ed ho molte conoscenze in Vaticano, vediamo se posso farvi dare una fornitura per tutte le parrocchie che abbiano bisogno di elettrodomestici, su di morale!” L’atmosfera cambiò di colpo, i ragazzi abbracciarono calorosamente padre Gino. La promessa del prete ebbe risultato positivo, dopo pochi giorni cominciarono a giungere le ordinazioni con gran gioia di Alberto e dei suoi operari che ripresero a lavorare di gran lena. Alberto ritenne opportuno ricambiare la cortesia di padre Gino invitando lui ed il suo collega Igino ad una festa di pomeriggio a casa sua, invitati, fra gli altri  Arianna, Sonia e Alfredo. Con gran sorpresa di tutti coloro che li conoscevano, i due preti si presentarono elegantissimi in abiti borghesi,  nessuno dei presenti fece dei commenti. Padre Igino dimostrò di essere  un simpaticone con giochi di prestigio  fra gli applausi di tutti i presenti. Sottofondo della musica sentimentale americana messa da Alberto che, affascinato dalla bellezza di Sonia pensò di poterla invitare a ballare ma, sorpresa, sorpresa, fu preceduto da padre Gino: “Figliolo sei arrivato secondo e, come dice il proverbio, chi arriva secondo va in bianco!” Un po’ tutti iniziarono a danzare, Alberto sconfitto sul campo, ripiegò su Arianna; la ragazza aveva un vestito piuttosto scollato e mostrava la sua beltade soprattutto anteriore. Alberto, vecchio zozzone, anche per il profumo particolarmente femminile che emanava la ragazza, si eccitò e cominciò a ballare stringendo a sé sempre più la giovane la quale  prese la cosa sorridendo, non altrettanto Anna, legittima consorte che, per vendicarsi invitò a ballare Alfredo imitando suo marito. Alfredo si eccitò a tal punto che il suo membro ventenne fu ben sentito dalla padrona di casa che, anche lei eccitata, volentieri avrebbe voluto…avrebbe… La stessa pensò che forse  poteva invitare il ragazzo a casa sua in altra occasione, così Alberto sarebbe stato ricambiato ma poco calea all’interessato dopo tanti anni di matrimonio… Alla fine della serata Alberto accompagnò i due sacerdoti alla loro macchina e rimase basito: una Maserati Ghibli con vetri oscurati. Quel pomeriggio era accaduto qualcosa di imprevedibile: padre Gino cominciò a contattare  Sonia parlandole delle sue faccende personali. Era natio di Udine dove ancora risiedevano i genitori; a sedici anni aveva avuto un rapporto omosessuale con un compagno di scuola che lasciò un segno negativo sulla sua psiche, non riusciva ad apprezzare le bellezze femminili ma, da allora, veniva attratto solo dai maschietti con gran dolore di suo padre, fervente cattolico che accompagnò suo figlio dal suo confessore. Il cotale convinse Armando ad entrare in Seminario perché solo in tal modo avrebbe potuto guarire da quella sua predisposizione. Inutile affermare che non c’era niente da guarire tanto che, divenuto sacerdote ad Udine, Armando, preso il nome di don Gino, ebbe una relazione omo con un suo collega, relazione che fu coperta dal Vescovo il quale, come punizione, lo spedì a millecinquecento chilometri di distanza a Messina. La fine della festa pose fine anche alla confessione di don Gino che chiese a Sonia di poterla rivedere; anche se con riluttanza la ragazza aderì alla richiesta. Difficile trovare un luogo dove i due potessero stare insieme senza essere notati, tutti nei dintorni conoscevano il prete e così Armando e Sonia si rifugiavano nel garage della parrocchia dentro la Maserati di lui. Quando si incontravano, capitava spesso che ad Armando venissero le lacrime agli occhi, la parte maschile di lui si stava innamorando della ragazza la quale capì la situazione anche senza sapere come venirne fuori. Durante una notte in bianco a pensare alla sua situazione, padre Gino decise di passare il Rubicone: ritornare allo stato laico. La mattina telefonò al segretario del Vescovo chiedendo una udienza. “Sua eccellenza è molto occupata, può dire a me.” “È una questione strettamente personale veda quello che può fare., vedrò di dare un aiuto ai poveri della parrocchia.” Il pensiero dei ‘denari’ fece capitolare il segretario che: “Venga domattina alle nove, mi raccomando preciso.” Il Vescovo all’inizio era sorridente ma poi alla richiesta di don Gino si rabbuiò: “Ha pensato bene al passo che vuol compiere, è come rinnegare la sua vocazione, ci rifletta bene, un peccato mortale!” “Eccellenza mi scusi la franchezza ma i peccati mortali sono solo quelli che portano all’uccisione di un essere umano, per cancellare gli altri peccati basta far del bene ai poveri, agli handicappati  ed ai diseredati, ormai ho deciso, andrò in sacrestia a presentare l’istanza.” La notizia si sparse fra il vicinato della parrocchia, Armando in abiti  civili con berretto in testa per coprire la tonsura, si recò in una agenzia per poter affittare un alloggio, possibilmente al centro di Messina. Fu fortunato: al primo piano di un edificio in una strada laterale del viale S. Martino era disponibile un appartamento di tre stanze cucina a bagno, l’importante per lui era non conoscere persone che gli avrebbero potuto far domande sulla sua vita privata. Vicino all’ingresso di casa sua c’era quello di uno studio medico di ginecologia il cui titolare, anziano e stanco del mestiere forse per aver visto troppi ‘fiorellini’, la maggior parte non tanto ini, lo salutò con: “Beato te giovanotto, ormai io sono sul viale del tramonto o meglio della notte, auguri!” Il primo ingresso avvenne con la futura sposa in braccio ad Armando, la casa era ammobiliata con gusto, anche Sonia si innamorò di Armando che prese ad andare in palestra con lei. Suo padre, venuto a conoscenza della situazione di sua figlia diede la sua benedizione, la solita storia ‘pecunia non olet.’ La cosa più difficile fu per Armando prendere confidenza col sesso, la ragazza aveva avuto un’esperienza con un compagno di scuola a sedici anni ma lui…Per sua fortuna Sonia aveva il senso dello humor: gli prendeva in mano ‘ciccio’ moscio e lo sgridava: “Guarda che ti lasciamo a casa a fare esercizi!” Nessun risultato. A mali estremi…Sonia era in confidenza con una farmacista alla quale chiese di acquistare un ‘pillola rosa’. Adelaide, la farmacista si esibì in una risata talmente forte da far girare tutti i presenti: “Te lo sei beccato troppo vecchietto? Scusami, talvolta esagero, ti do il ‘Levitra’, di solito funziona dopo mezz’ora dall’assunzione, per augurio non te la faccio pagare, ciao.” Sonia a cena pensò bene di non rivelatore il trucco ad Armando (ormai lo chiamava così) e mise il medicinale nel bicchiere dell’acqua. Il giovane voleva uscire ma Sonia insistette per un ‘riposino’ in cui era da lei previsto una fellatio. “Io ho studiato in seminario il latino ma mai ho incontrato questa parola.” La ragazza le rispose : “Te credo, i pompini non sono previsti nel Vangelo!” Pian piano la pillola cominciò a funzionare, Armando era basito, finalmente… Finalmente ‘ciccio’ si risvegliò del tutto e riempì il cavo orale della compagna, per la contentezza la ragazza sparse il seme un po’ dappertutto e baciò in bocca Armando che si schifò. “Che brutto sapore!” “Abbiamo ottenuto quello che tanto desideravamo e tu ti formalizzi per un po’ di tuo sperma in bocca, piuttosto festeggiamo dentro la mia cosina tutta già bagnata e ancora vogliosa!” Era il 3 settembre anniversario della nascita di Armando il quale, via filo, ricevette gli auguri della mamma la quale fu informata dell’avvenimento e, da quello che i due sentirono per telefono, anche il papà ebbe la buona notizia. Era destino: Sonia rimase quasi subito incinta ed insieme ad Armando rientrarono al paese natio del giovane con la Maserati facendo un chiasso indiavolato col clacson sotto casa. “Imbecille presto sarai nonno!” era facile capire a chi era diretta quella frase. Ed Anna, la moglie di Alberto? ogni tanto telefonava ad Alfredo per passare un pomeriggio insieme, non fu da meno Alberto con Arianna. Nacque Regina, quasi quattro chilogrammi, che fece un po’ penare la mamma ma fu la gioia di tutta la famiglia. Volete sapere cos’è la ‘tonsura’? Era una furbizia della Chiesa che aveva imposto agli ecclesiastici di farsi rasare sulla sommità della testa un circolo di capelli così, anche se in borghese, gli stessi erano facilmente riconoscibili!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento