username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

29 maggio alle ore 10:00

LE DUE CINESI

Il racconto

Alberto, quarantenne,  in divisa di maresciallo della Guardia di Finanza aveva accompagnato all’aeroporto Fontanarossa di Catania una lontana parente statunitense che le aveva cambiato la vita. Grace Allison di più di ottanta anni di età aveva portato personalmente ad Alberto la notizia ed il carteggio di un lascito milionario da parte di suo marito Franco Diotallevi (cognome more solito appiccicato da preti a qualche suo avo trovatello). Frank, ormai così ribattezzato era emigrato negli States of America negli anni venti ed  aveva fatto fortuna, alcune volte anche illecitamente con l’aiuto di paesani mafiosi. Malvisto dai suoi parenti americani, aveva preferito far fruire delle sue ricchezze il figlio di un suo fratello Alfredo, appunto Alberto con l’obbligo di far celebrare ogni mese una messa in suo suffragio, anche in Italia oggidì i mafiosi godono fama di essere religiosi, valli a capire.  All’aeroporto di Catania Alberto, da una pensilina salutò festosamente Grace; difficile analizzare il suo stato d’animo, era  confuso, non si era ancora reso conto di quella che sarebbe stata la sua nuova condizione di vita. Stava per raggiungere la sua Panda quando fu interpellato in italiano, con accento cinese da una ragazza di bell’aspetto come si dice volgarmente: un gran pezzo di f…a. “Signore dovremo andare a Messina, prenderemo autobus, indica dove trovo?” La giovane era in compagnia di altra ragazza più giovane, anche lei belloccia. “Io sto andando a Messina, posso darvi un passaggio in macchina. “Wen siamo fortunate.” Caricate due valige in auto: “Io sono Huan, questa è mia amica Wen, andiamo a Messina all’Università per  imparare bene italiano all’Università, facoltà lettere, alloggeremo alla casa dello  studente. ”Alberto scapolo, recentemente abbandonato da un’amica intima, fruiva di un alloggio in caserma. Pensò bene di collocare le ragazze all’albergo Royal che  era vicino all’università ed al suo posto di lavoro. Sistemate le giovani  e posteggiata l’auto nella rimessa dell’Hotel, Alberto rientrò in caserma nella sua cameretta, provò a dormire ma con scarsi risultati. La mattina presto era già in piedi sbarbato ed in borghese, poteva chiedere la licenza ordinaria ma non era in buoni rapporti col suo superiore di grado, preferì recarsi in infermeria dove il Dirigente Il Servizio sanitario, vero amico, gli concesse trenta giorni di licenza di convalescenza. Poi, dietro richiesta via cellulare di un  notaio a lui sconosciuto, tale Riccardo, si recò nel suo studio. Il professionista era rimasto basito, non tutti i giorni capitava di incontrare un neo milionario. Il cervello di Alberto andava a cento all’ora, doveva sistemare molte caselle della sua vita. Prima di tutto, dietro imput del professionista  si fece accreditare sul suo conto corrente della Banca Credem centomila €uro con rilascio di carta di credito oro, di un bancomat e di un libretto di assegni. Raggiunse poi le due cinesi che, consumata la colazione al bar lo stavano attendendo nel salone. Prima tappa: negozio di rivendita di cellulari, le due sapevano usarlo ma non lo possedevano,  uno a testa poi visita alla Delegazione dell’Ambasciata Cinese a Messina per comunicare la loro presenza in città indi iscrizione all’Università. In considerazione che c’era troppo tempo da perdere Alberto si recò in un’agenzia immobiliare. La titolare, alla vista della carta di credito oro si mise subito a disposizione e trovò quello che Alberto desiderava: una villa vicino al mare a Torre Faro, villa completamente arredata, i proprietari si erano recentemente trasferiti al nord. Ultimo desiderio da esaudire: un’auto  da sempre desiderata da Alberto: un’Alfa Romeo Stelvio color rosso già pronta in concessionario, per un milionario cos’erano sessantamila €uro! Huan e Wen erano rientrate nella hall dell’albergo in attesa del loro benefattore, il loro vestiario non era di gusto di Alberto e così, dopo pranzato, all’apertura dei negozi le due furono condotte negli esercizi di piazza Cairoli e di viale S.Martino da dove uscirono elegantissime e felici tanto da mettersi sotto braccio di un Alberto in borghese che faceva la figura di  turista fortunato. Il pomeriggio  trasferimento dei tre in villa, le ragazze si diedero da fare per sistemare tutta casa in particolare il letto matrimoniale e la camera degli ospiti dove Alberto pensò bene di passare la notte, ancora non aveva preso confidenza con le due cinesi. Il giorno dopo, domenica, tutti in spiaggia. Huan e Wen avevano acquistato un costume decisamente succinto, I tre muniti di ombrellone e sdraie si erano sistemati lontani dalla battigia per farsi notare il meno possibile ma ugualmente i maschietti di passaggio, alla vista delle due ragazze palesavano un’espressione ebete e sicuramente d’invidia. Tutte le mattine dei giorni feriali Alberto accompagnava le due cinesi all’università e  le andava a riprendere il pomeriggio inoltrato alla fine delle lezioni poi ritorno in villa, non intendeva più pernottare in caserma. Il vecchio detto latino ‘Invidia maximae dilabuntur’ è sempre attuale: il solito ruf ruf riferì al Comandante di Legione che Alberto viaggiava in Alfa Romeo in compagnia di due ragazze orientali. il Colonnello lo fece rintracciare dal centralinista per  convocarlo nel suo ufficio. “Mi hanno riferito che lei se la passa bene con un’auto di grossa cilindrata ed in compagnia di due ragazze non italiane.” “Verissimo Comandante, ho ricevuto la classica eredità da un mio parente americano recentemente deceduto, maggiori informazioni in merito può fornirle il notaio Diotallevi, ancora non ho deciso se congedarmi o meno.” “Faccia come vuole, lasci il suo recapito al piantone.” Classico atteggiamento di chi, malgrado il suo grado è impotente a cambiare una realtà a lui sgradita. Tutto bene, si sino al un certo punto in quanto ‘ciccio’ pretendeva la sua parte di…felicità ma un avvenimento imprevisto cambiò la situazione: una mattina presto Alberto ebbe bisogno di andare in bagno, dalla porta semi aperta notò che Huan faceva la pipì in piedi come i maschietti ed infatti aveva ‘sfoderato’ un coso niente affatto femminile, un trans! Alberto aveva avuto in passato molte esperienze in campo  sessuale ma questa situazione era per lui nuova e soprattutto imprevista. Ritornò a letto, rimandando le spiegazioni a più tardi; si appisolò e fu svegliato da Wen. “Noi fare tardi all’Università!” “Questa mattina niente Università, dobbiamo parlare di Huan…” In salotto le spiegazioni: “Io sono un transessuale, al mio paese la mia situazione è accettata, è la mia natura, non posso cambiarla, se tu voi posso essere con te solo donna oppure vai con Wen, qualora tu dovessi cacciarci saremmo in un mare di guai, faremo qualsiasi cosa tu desideri.” Huan era stupenda, Alberto  non ricordava di aver mai incontrato una tal bellezza solo che aveva qualcosa in più  da lui non gradita. Quest’ultimo pensiero fece riemergere in lui il suo senso dello humour, ritrovò se stesso, non era stato mai un puritano anzi si era sempre dichiarato anticonformista. Di colpo: “Tutti in acqua, gara a chi è più veloce.” Huan sembrava una sirena, subito riuscì a staccare gli altri due, aveva imparato a nuotare sin da piccola, la città di Xiamen che è bagnata dal mare. Si fermò ad una boa, si avvicinò ad Alberto nel frattempo giunto con la lingua di fuori e lo baciò in bocca, un approccio piacevolissimo che fece dimenticare al non più giovin signore i problemi della cinesina. Alberto si mise a fare il morto, Huan lo spingeva dai piedi e così raggiunsero la battigia, tutto dimenticato? Ovviamente no ma per scacciare pensieri spiacevoli i tre, rivestitisi, si recarono nella trattoria di Alfio che aveva conosciuto Alberto in occasione di una verifica fiscale. “Maresciallo stavolta non è in servizio anzi…” “Amico mio ho bisogno di una mano, due per me sono eccessive…” “Ho capito la battuta, in ogni caso sono troppo vecchio, penso io al menù, per il vino Etna Bianco.” Finito di mangiare rientro in villa con un interrogativo nella mente di Alberto che fare? Il dubbio fu risolto da Wen che: “Huan è stanca, preferisce dormire sola nel tuo letto, tu sei invitato nel giaciglio matrimoniale, come vedi sto imparando bene l’italiano!” Alle luci soffuse di due abatjour Alberto ebbe il piacere di scoprire il corpo magnifico di Wen, era proprio di suo gusto: tette appena accennate (non amava le balie), vita stretta, pochi peli lisci sul pube, gambe da ballerina e piedi piccoli. Fu preda della cinese che lo abbracciò e poi prese a baciarlo in bocca facendogli provare sensazioni paradisiache (ammesso che San Pietro permetta tali approcci!) e poi scendendo prese in bocca ‘ciccio’ finalmente felice di regalare tutto il suo prodotto ben accettato dalla baby la quale inaspettatamente prese dal comodino un condom, precedentemente da lei preparato e lo infilò sull’uccellone di Alberto in erezione riuscendo a prodursi in orgasmi plurimi. Alberto notò che gli occhi di Wen erano pieni di lacrime: di gioia o di…, difficile capirlo. Sfinita, la ragazza fece segno di resa, ‘ciccio’ fu costretto a capitolare ed a ritirarsi nella sua ‘cuccia’, non poteva lamentarsi, era stata proprio un amplesso come non ricordava da tempo. Il lunedì mattina in auto Wen: “Se sei d’accordo vorremo prendere la patente di guida, a Xiamen l’avevamo non so se sia valida in Italia, passando in via Garibaldi ho notato una Scuola Guida, potremmo informarci.” Istintivamente ad Alberto non piacque quella proposta, pensò che avrebbe portato a dei cambiamenti non favorevoli per  il suo menage, fece buon viso a cattivo gioco. Entrati nei locali furono accolti dal figlio del titolare: “Sono Alessandro, a vostra disposizione.” Fu Huan a fare la richiesta di poter avere la patente italiana o meglio di convertire quella cinese in quella italica. Il giovane sempre guardando in viso le due cinesi, (si vedeva che ne era stato colpito), disse che si sarebbe informato e chiese di poter avere il numero del cellulare di Wen per far conoscere l’esito della ricerca. Ovviamente era stato un modo per poter agganciare la ragazza che provvide subito e con entusiasmo ad esaudire alla richiesta. Il viso scuro di Alberto consigliò Huan, più esperta della giovane amica ad abbracciare il ‘capo famiglia’ (tale si poteva ormai considerare) ed anche a fargli gli occhi dolci per ripagarlo di un eventuale ‘sgarbo’. Alberto decise per una breve vacanza a Reggio Calabria. Una domenica mattina i tre si imbarcarono su un traghetto della Caronte con gran entusiasmo di Huan e di Wen. Sbarcati con la Stelvio a Villa S.Giovanni presero l’autostrada e giunsero a Reggio Calabria dove posteggiarono in un garage. La via Garibaldi aveva i negozi più eleganti e forniti della città, le due ragazze se approfittarono lasciando però la merce acquistata nei vari esercizi per non portarsela appresso, l’avrebbero ritirata al ritorno. Dietro consiglio del titolare di un negozio, i tre entrarono nel ristorante ‘La Capanna’,  tutto a base di pesce ovviamente fresco. Alla fine del pasto Alberto: “Stavolta un ragionamento serio: come sapete ho ricevuto una grossa eredità, non ho parenti a cui lasciarla e quindi erede unico sarà un mio figlio maschio o femmina che sia, il mio pensiero è quello di aver un pargolo da Wen, sempre che lei sia d’accordo altrimenti dovrò trovarmi una ragazza italiana.” Il silenzio era caduto fra i tre, la proposta era inaspettata forse anche da parte di Alberto, gli era venuta spontanea. Mutismo, l’argomento era molto delicato ed impegnativo. Recuperata la merce nei vari negozi con un traghetto Tourist Alberto, Huan e Wen ritornarono a casa nella Città dello Stretto. Dopo un informale buonanotte tutti a nanna.  Le due cinesi avevano ottenuto la patente di guida italiana grazie ad Alessandro che subissava Wen di richieste per un appuntamento, richieste senza esito positivo. Sicuramente durante la notte Huan e Wen avevano discusso l’argomento figlio, avevano tutto da perdere in un eventuale allontanamento di Alberto e così decisero per una gravidanza di Wen. A cena la riposta positiva al capo famiglia che subito pensò ad un ginecologo per far avvenire la gravidanza durante l’ovulazione della ragazza. Tancredi era un anziano medico amico della famiglia di Alberto, nella sua vita aveva avuto tante esperienze nel suo campo che non fece una grinza alla richiesta di Alberto e di Wen, diede istruzioni alla coppia per accertare il momento dell’ovulazione; dopo un mese il verdetto positivo, nome scelto: Franco o Franca. Wen volutamente dopo tre mesi passò nei locali della scuola guida, Alessandro nel vedere il pancione della ragazza rimase muto, se ne era innamorato ma non gli rimase che ritirarsi in buon ordine. Nell’ospedale Papardo il 10 luglio nacque un bimbo maschio, in onore del benefattore fu battezzato col nome di Franco, era bellissimo. Qualcosa era rimasto nella mente di Wen, un giorno passò dinanzi alla Scuola Guida col  pupo nel passeggino ed incontrò Alessandro. Il giovane era dimagrito e sembrava invecchiato, Wen lo abbracciò festosamente e gli presentò il piccolo Franco che in quel momento era particolarmente allegro. I due, pupo appresso, si recarono in un vicino bar all’aperto, era luglio Wen era vestita con minigonna e camicetta leggera, sempre bellissima e Alessandro sentì le stesse sensazioni provate al primo loro incontro. Stessa cosa accadde a Wen, senza parlare e guardandosi negli occhi si abbracciarono e si baciarono coram populo. Al ritorno a casa Wen mise al corrente Alberto dell’accaduto, Alberto era un uomo intelligente e capì che aveva ragione Cicerone quando aveva affermato che: ‘Vitam regit fortuna, non sapientia’ ‘La vita è retta dal fato, non dalla saggezza.’ Chiese a Wen un ultimo incontro sessuale, voleva un suo buon ricordo e l’ottenne ma fu un triste addio. Il picolo Franco sarebbe restato a casa sua con Huan a fare da madre con l’autorizzazione a Wen di incontrarlo senza linitazioni. Il primo incontro ravvicinato fra Alberto e Huan avvenne per volere di ambedue. Huan mise in atto quello che aveva promesso, per Alberto lei fu solo donna anche se il buon Albertone, per curiosità prese in mano il cosone di Huan, preferì il suo popò molto ricettivo e godereccio! Alberto si stancò del dolce far niente, rindossò la divisa, fu promosso al grado di Maresciallo Maggiore Aiutante e Comandante di Sezione. Riprese anche la sua vecchia passione per la fotografia; in seguito ad  un esame sostenuto a Roma gli fu conferita la qualifica di ‘Capo Laboratorio Fotografico’. Mise su, a spese dell’Amministrazione un attrezzato laboratorio, fotografava gli arrestati, le varie cerimonie interne, si imbarcava su motovedette e su elicotteri per stanare coltivazioni di cannabis, poteva considerarsi felice. Il piccolo Franco cresceva bene e dimostrava di essere un furbacchione in tutti i campi: chiamava mamma Wen e zia Huan, aveva imparato a nuotare ed anche qualche parola di cinese, una gran soddisfazione per Alberto cui mancava però qualcosa…facile da immaginare. Wen veniva spesso a trovare suo figlio. Un giorno si accorse che Alberto la guardava con occhio lucido, chiese il permesso a Huan, prese per un braccio il non più giovane Alberto, lettone, niente condom: qualora fosse accaduto un ‘incidente’ il piccolo Franco non sarebbe più rimasto solo,  avrebbe avuto la compagnia di un fratellino o di una sorellina!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento