username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

06 marzo 2018 alle ore 17:02

RITORNO AL PASSATO

Intro: Spesso i sogni son desideri che restano purtroppo tali! 

Il racconto

Alberto M. con la sua Jaguar X Type stava percorrendo l’autostrada Messina - Palermo destinazione Milazzo: via via le stazioni di Villafranca, di Spadafora ed infine, destinazione finale, uscita Milazzo Centro. Dire che era confuso era un eufemismo. La decisione di andare in quella località di mare era stata da lui presa d’accordo con la legittima consorte Anna M. in seguito ad avvenimenti ancora confusi nella sua mente: andava a trovare dopo dieci anni la sua prima moglie da cui aveva divorziato in maniera burrascosa, motivo: una telefonata di Mary S. intercettata da Anna con la quale la cotale, piangendo, chiedeva di poter rivedere quello che considerava ancora suo marito non avendo accettato la separazione. Alberto presa conoscenza della novità era sbottato in una bella risata: “Proprio tu, tanto gelosa, mi chiedi di…”
Due sorelle della tua ex sono morte di cancro, anche lei è malata e vorrebbe rivederti prima di…”
Ecco ora doveva fare il buon samaritano! Il loro divorzio era stato causato da una serie di motivi non ultimo il loro carattere aggressivo e la differenza di visione di molti lati della vita, insomma non si sopportavano più, al suo posto era subentrata una donnina intelligente, deliziosa, simpatica, accondiscendente specialmente in materia sessuale, qualità molto apprezzata da Alberto, Anna.
Il navigatore satellitare lo aveva fatto arrivare sin sotto il portone; al citofono: “Sono io.” Evidentemente la sua voce non era cambiata, la ex aprì subito il portone e: "Quinto piano".
ntrato in casa i due ex si squadrarono un po’ senza parlare. Alberto: “Se possibile evitiamo le frasi di circostanza, ‘in fondo non sei cambiato, hai la solita faccia di…, sei un po’ ingrassato e così via.” M
ary era visibilmente invecchiata, non aveva voluto tingersi i capelli completamente bianchi e lo sguardo era spento, aveva detto la verità ad Anna, gli ultimi avvenimenti avevano lasciato visibili segni sul suo viso visibilmente triste.
"Emilia e Giuseppina sono morte due mesi dopo una dall’altra, son rimaste solo le mie nipoti figlie di Pina, Manuela e Jole, quest’ultima è a Londra per uno stage, per fortuna Nino S.,  loro padre, anche lui deceduto, era un ricco proprietario terriero in S. Stefano di Camastra, la morte sembra incombere sulla nostra casa!"
Era luglio, Alberto e Mary uscirono in balcone, il traffico pomeridiano era scarso, in lontananza il porto di Milazzo. “Rientriamo, finisco di preparare la cena.” Mary ricordava ancora i gusti del suo ex, brodetto di pesce alla marchigiana, una delizia innaffiato dal Verdicchio dei Castelli di Jesi, niente vini siciliani, evidentemente Mary era rimasta in contatto con Giorgio Brunori vecchio amico dell’allora suo marito. Anche il pane abbrustolito! Mary ricordava tutto della loro passata unione. Nel dare uno sguardo nello studio Alberto notò una  sua foto formato 50 x 60 in divisa da maresciallo delle Fiamme Gialle con tanto di pizzo e barba, allora neri: era ancora nel cuore della sua ex. Dopo cena passeggiata sul lungomare di Milazzo rimasto pressoché invariato rispetto al passato: ‘orde’ di giovani vocianti, mamme con carrozzine e pargoli, vecchietti seduti sulle panchine a godere il fresco. Ogni tanto Mary salutava qualche signora che guardava la coppia con curiosità, evidentemente erano in amicizia e le cotali si domandavano chi fosse il nuovo giunto. Da lontano una giovin signorina faceva segnali con le mani. “È Manuela non la ricordi?” Come poteva Alberto riconoscere un pezzo di gnocca alta quanto lui, in minigonna, tutta frizzante, sedicenne circondata da ragazze altrettanto vezzose. Una corsa e l’abbraccio affettuoso con Alberto. “Zione ci credi che mi sei mancato, sei un po’ imbruttito ma mi piaci sempre! Ho ancora tutte le foto che mi hai scattato.” Le ragazze in coro: “Alberto, Alberto, Alberto!” attirando l’attenzione e la curiosità dei passanti. “A regà, la finite cò stà manfrina, n’antro po’ me vergogno!” Una ragazza: “Tuo zio è romano, io ho un debole per i romani.” Manuela: “Tu hai un debole per i pantaloni, quelli da uomo!” Risata generale. “Zia vi raggiungerò a casa tua, per stanotte non tornerò nella mia magione!” Alle 22 si presentò silenziosamente Manuela, evidentemente aveva le chiavi di casa. Sorprese Al e Ma. molto vicini sul divano davanti alla TV, avevano la mani intrecciate. Rapido dietro front. Mary non era affatto malata, per sua fortuna nessun tumore ma voglia spasmodica di… rivedere Al.
“Uno dei due dormirà sul divano, tu da cavaliere non permetterai che una dama…”
“Alberto non permette niente perché dama a cavaliere divideranno lo stesso letto, ogni eccezione rimossa, ti piace la frase militare!”
“Stavolta l’accetto non come il passato quando… a proposito quanti anni ha …”
“Ventisei meno di me.” Mary acida.
“Allora ancora ciuccia il ciuccio…”
“Noi quando siamo insieme  facciamo ancora scintille, per smorzare i toni ti propongo di farci carezzare dai tiepidi spruzzi della doccia.”
Mary era indecisa, forse per non mostrare il suo non più gradevole corpo ma,  in fondo, anche Alberto doveva avere i suoi problemi e quindi… doccia per entrambi. Alberto prese in braccio Ma: e la depositò dolcemente sul piatto, cercarono di guardarsi solo in viso solo che Mary col corpo vicino a quello di Al. sentì qualcosa di duro… Non sapeva che atteggiamento assumere, restò imbambolata, la voce di Alberto: “Non mi dire che in dieci anni non hai mai… “Di ronzoni ne ho avuti molti anche per motivi di interesse perché padrona di una bella abitazione e di una pensione da insegnante ma nessuno passava l’esame, li paragonavo a te e ne uscivano sconfitti!”
Uscirono dalla doccia per rifugiarsi nel lettone, lenzuola di seta, che lusso! Ciccio, sempre in posizione, attese che la ex si lubrificasse dinanzi e darrière e poi…e poi: una battaglia che le ricordava il passato decennale. Mery piangeva sommessamente, non  era facile capire se per piacere o per disperazione. Un lungo riposo portò ambedue all’ora della colazione, abbondante per riprendersi le forze, nessuno dei due profferiva parola, c’era poco da dirsi se non pensare al futuro. Ad un tratto Mery: “Domani devo fare da madrina ad una bimba nata ad un mia amica a S. Lucia del Mela, resterai solo tutta la giornata.” Effettivamente la baby sparì dalla circolazione ma… ma fu sostituita dalla nipotina, nipotona che, penetrata in casa della zia: “Non vorrai restare solo tutto il giorno, prendiamo la tua auto e andiamo in giro sino a mezzogiorno poi mangeremo alla trattoria del Porto, proprietario è un parente del mio fidanzato Cateno, lo so è un nome ridicolo ma i suoi sono di origine calabrese e per di più cattolici. Io lo chiamo Ciccio, lui non se la prende, è il più bravo ragazzo che abbia mai conosciuto, molti altri erano figli di… e non mi davano affidamento, non è gran che in fatto di sesso ma… mi accontento, certo quello che mi ha raccontato la zia di te…"
Nessun commento da parte di Alberto, gli era venuta una certa idea. Pranzo alla buona, il trattore chiese a Manuela chi fosse quel signore, gli andò bene la spiegazione del fidanzato di Ema. “La casa della madre della ragazza era veramente splendida, la padrona di casa aveva buon  gusto, addirittura il letto matrimoniale a baldacchino. Vedo che ti interessi al lettone…”
“Sì è molto di buon gusto…”
“Vecchio zozzone a me non mi freghi, so quello che ti frulla in testa! Digeriamo poi la doccia ed infine i fuochi di artificio!”
Alberto ebbe modo di ammirare il corpo merveilleux della nipotina acquisita ma poi alluni sul lettone che non aveva lenzuola di seta ma in compenso era molto morbido. Alberto tirò fuori tutto l’armamentario della sua cultura sessigna, dal cunnilinguus, alla spagnola, all’imissio penis prima nel culino e poi in vagina col conseguente messa in azione del punto G che fece impazzire Manuela. Alla fine “Ecco perché la zia ti rimpiange tanto, mai provato un piacere tanto intenso, se fossi ancora sposato con mia zia, forse…ma meglio così  ci saremmo incasinati.”
“Ma che ti prende, mi hai distrutto, che cavolo sognavi, sicuramente qualche tua amica mignotta, ne avrò per una settimana, forse un mese mi hai distrutta maialone mio.”
La voce di Anna era inconfondibile, era proprio che lei protestava ma in fondo non molto convinta, per Alberto era stato tutto un sogno!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento