username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

08 marzo 2018 alle ore 9:02

SIGNORA CON SORPRESA

Intro: Siete sicuri che una bella signora sia una donna? In fondo non ha importanza basta che...

Il racconto

Quando viene ad abitare nello stesso tuo palazzo, al piano di sopra, una signora circa trentenne, bruna, capelli lunghi, occhi grandi, viso che esprime una forte sensualità, corpo all’altezza nel senso di: altezza un metro e settantacinque, seno prosperoso, gambe chilometriche, piedi lunghi e stretti,  che poteva  pensare quello zozzone di Alberto M? Esattamente quello che viene in mente anche a voi maschietti, vi si stringono gli intestini (secondo cervello) e vi domandate che razza di c…. volevo dire fortuna aveva avuto il marito neurochirurgo ortopedico, tale Silvio C., ovviamente ricco di famiglia perché, racchio com’era,  se la poteva scordare di rimorchiare una tal beltade. Il signor Silvio C.,(il nome l’aveva detto ad Alberto il portiere Melo) aveva acquistato sia l’appartamento sopra di lui che quello vicino facendolo diventare un tutt’uno; inoltre aveva fatto coibentare tutto pavimenti e soffitti compresi, difficile capire il perché, forse i coniugi erano troppo rumorosi? Tutti gli uomini  dei sei piani della scala di viale dei Tigli 69 a Messina erano in subbuglio. Ovviamente le femminucce minimizzavano: “Che sarà mai, non avete mai visto una bella donna, sicuramente metterà le corna la marito, non fate tanto gli svenevoli con lei, mal ve ne incoglierebbe.” Più di un maschietto, Alberto in testa, avrebbe corso il rischio, l’Albertone era il più dotato fisicamente, un metro e ottanta, divisa da maresciallo delle Fiamme Gialle, barba e pizzo, medagliato ma…La cotale sorrideva a tutti ma non dava confidenza a nessuno. Talvolta la mattina, vestita succintamente, con la sua Mini Minor verde usciva dal garage per rientrare la sera, destinazione…boh. Chi aveva cercato di seguirla in auto era rimasto deluso, la baby guidava come un pilota di formula uno fregandosene altamente del codice della strada, evidentemente c’era chi pagava le contravvenzioni o chi gliele faceva cancellare. Alberto con la sua Jaguar X type, acquistata con i soldi della defunta zia Giovanna, era troppo visibile ed aveva dovuto rinunziare al pedinamento. Idea. Si fece prestare la 695 Abarth del suo amico Franco, auto più veloce della Mini e così scoprì che madame Arlette G. si rifugiava in una villa dei Peloritani, villa a tre piani con ampio giardino dove vide posteggiata l’auto della bellissima. Alberto, quarantenne,  aveva dietro le spalle un matrimonio decennale con Anna M, erano ambedue molto simili e anticonformisti; anche la baby, talvolta, si prendeva qualche licenza ‘sentimentale’ mettendone al corrente il marito, che  così aveva mano libera per le sue scappatelle ma stavolta era dura nel senso che v’erano molte difficoltà che facevano ancora più accanire il bel maresciallo. Il portiere, Melo, informatissimo e foraggiato da Alberto, svelò il segreto del nome di madame: Arlette G. brasiliana. Anna se la rideva bellamente, il maritone sembrava sempre assorto nei suoi pensieri, in verità cercava di elaborare un piano per scoprire i segreti della bella Arlette, bella anche nel nome. Appartenendo al Servizio ‘I’, servizi segreti della Guardia di Finanza, aveva a disposizione tutti gli aggeggi che usano le forze di polizia per scoprire i latitanti: binocoli notturni, cimici da installare all’interno delle auto e sistemi per aprirle senza far scattare l’allarme, canocchiali a lunga portata ed altre aggeggi molto utili come quello che captava le conversazioni all’interno di un’abitazione a cento metri di distanza. Avuta con una certa difficoltà la concessione di un mese di licenza (era luglio), di prima mattina si appostò nelle vicinanze della villa sui Peloritani ma per due giorni la bella Arlette non si fece viva ma il terzo giorno…due colpi di clacson della Mini ed il cancello automatico si aprì. Nel frattempo erano giunte auto di lusso con a bordo uomini e donne eleganti. Alberto mise in funzione il microfono laser direzionale e nella cuffia sentì uomini e donne che, purtroppo, parlavano in portoghese, riusciva solo a capire qualche parola, troppo poco. Dopo circa un’ora pensò di aver sentito la parola ‘shemal’ era inglese,  voleva dire ‘transessuale’, ma chi di loro era il trans , forse Arlette, gli sarebbe dispiaciuto, non era suo desiderio sentirsi nel popò un ‘ciccio’ anche se di un trans. Evidentemente Arlette aveva documenti in cui risultava di sesso femminile. Alberto rimase in macchina un altro po’ di tempo e poi rientrò a casa deluso. “Non fare quella faccia, sei andato in bianco il mondo è pieno di belle donne, comincia con la scoparti la consorte vogliosa!” “Ma quali donne, lì ci sono gli shemal, i trans, cazzo!” Grande risata della consorte e presa in giro per giorni interi sinché un giorno Alberto incontrò Arlette per le scale e: ”Madame vorrei parlarle,  l’ho seguita sino alla villetta sui Peloritani…”Vuole parlarmi o…qualcos’altro, togliamoci dalle scale, andiamo a casa mia, mio marito è assente.” “Sono imbarazzato, vorrei dirle tante cose…” “Non mi sembri il tipo che si imbarazza facilmente, mi pare che sei un poliziotto…” “Sono un maresciallo della Finanza, mi chiamo Alberto.” “Bene Alberto, in passato ti ho notato, sei un bell’uomo ma immagino… Una proposta: mio marito torna all’ora di cena, io non me la passo bene con i fornelli, mi farò portare la cena dal ristorante del viale dei Tigli, ho deciso di fidarmi di te, Silvio è un ‘cukold’ non so se conosci il significato del termine, in altre parole  si eccita e si masturba quando mi vede che faccio l’amore con un altro uomo, ti va bene? Un altro particolare, molto particolare guarda qui, sono un trans, ora decidi tu.”  Troppe novità in un sol momento ma, dopo che Arlette si spogliò nuda (una visione celestiale) prese la decisione di…starci ma come? Si sarebbe arrangiato in qualche modo. Silvio fu informato al telefono dell’invito ad Alberto, Anna  ascoltava le conversazioni con un trasmettitore nascosto. Silvio si dimostrò di essere un simpaticone: “Se ha problemi ortopedici sono a disposizione dai piedi alla cervicale.” Una cena eccellente a base di pesce, solo il vino era mal abbinato, un rosso di Faro ma… figurati se Alberto pensava alla bevanda. Proposta di Silvio: “Tutti sotto la doccia!” ma la peggior figura la fece lui in quanto a pisello era un po’… misero ma la cosa non interessò nessuno. Alberto era già ‘in posizione’ con ‘ciccio’ più enorme che mai che fece scappare ai due coniugi un oh! oh! prolungato. Chi iniziò la pugna; fu Arlette che, con un po’ di fatica, si fece penetrare da Alberto, ovviamente nel sedere, con Silvio che, seduto in poltrona, si masturbava per poi godere in bocca alla consorte. Fine primo round. Alberto era rimasto nel tergo di Arlette che pian piano cominciò a godere alla grande con emissione di sperma dal suo uccello duro preso in bocca da Silvio, un pareggio calcistico! Arlette prese una mano di Alberto e la portò sul suo pene nient’affatto piccolo (era più grande di quello del marito), era la prima volta che l’Albertone provava la sensazione di toccare un membro maschile anche se di un trans,  non sapeva nemmeno lui che sensazione stava provando, qualcosa di inusitato…Un finale incandescente: Arlette si mise in ginocchio è pronunziò una frase significativa. “Distruggimi il culo!” E così fu sinché ambedue godettero alla grande. Ritirata di Alberto che, rientrando a casa: “Posso baciarti in bocca, a sentir voi m’è venuta voglia e mi sono masturbata.” anche Anna aveva partecipato alla orgia di sesso! Ovviamente la situazione si evolse coinvolgendo tutti e quattro perché  non dispiacevano a nessuno quei nuovi rapporti ravvicinati. Una settimana dopo i coniugi C. diedero una gran festa nel loro appartamento. Arrivarono macchine di lusso tutte sistemate da Melo anche nel campo da tennis esclusa una Roll Royce  che aveva il cambio automatico, ci pensò Silvio. Anna in occasione della festa si era vestita in modo eccitante: camicetta scollatissima che faceva intravvedere il seno sin quasi al capezzolo, minigonna che copriva a malapena le deliziose chiappe con indosso uno slip color carne. Ogni tanto si piegava in avanti per far vedere ai maschietti il suo po’ po’ …nudo. Ovviamente aveva attirato l’attenzione degli uomini in particolare un maschietto tipo Stewart Granger un attore americano che conoscono solo i più anziani. “Sono José dos Santos di passaggio a Messina presso miei amici, sono affascinato dalla sua bellezza, sono brasiliano di origine napoletana, non vorrei suscitare le ire si suo marito ma vorrei passare la serata con lei a ballare e poi, eventualmente…Durante un intervallo della musica Anna si rivolse  ad Arlette che le spiegò che il cotale era un miliardaria brasiliano che amava molto le donne e, se gli piacevano a letto, le pagava profumatamente. “Arrivederci a presto!” Così José apostrofò Anna alla fine della serata. Il giorno successivo Arlette scese con la scala a chiocciola interna nel frattempo installata e riferì ad Anna della proposta di José: un assegno con tanti zeri per una notte passata con lui. La proposta fu riferita ad Alberto il quale lì per lì si fece una risata poi: “Ma quanti zeri può riportare l’assegno?” “Da quello che mi ha detto Arlette dipende se sono brava a scopare, tu che ne dici?” “La cosina è tua ma mi sembra che non solo lei sarebbe interessata a…” “Chiamerò Arlette al telefono, tu prepara telecamera e microfono da mettere in camera da letto di sopra, il resto me la vedo io.” Il sabato successivo Anna si era alzata più presto del solito, Alberto la trovò seduta in cucina ancora  in pigiama. “Che pensa l’amore mio?” “Che stasera ti farà le corna anche se ben pagate. Ancora non sono sicura.” A tavola i due coniugi assaggiarono a mala pena un po’ di pasta e poi ambedue a riposarsi. Alle diciotto Anna in bagno per truccarsi, ne venne fuori una splendida donna coperta solo dalla parte superiore del baby doll che lasciava intravedere un pube pelosissimo, uno schianto che lasciò inebetito un Alberto assai confuso. La deliziosa sparì sulla scala a chiocciola interna, Alberto non la vide sinchè Anna andò in camera da letto. “Sono ancora sola, più tardi…” Il più tardi avvenne presto, evidentemente José non vedeva l’ora di…,”Sei magnifica, penso che mi costerai molti zeri!” e sparirono in bagno da cui uscirono dopo un quarto d’ora completamente nudi, Josè già ‘armato’ anche se in maniera minore di Alberto. Sul lettone prese a baciare in bocca Anna che fece segno ‘OK’ per tranquillizzare il marito ma c’era poco da tranquillizzare! José :”Dapprima ti godo in bocca, poi nel culo ed infine in figa, se sarai brava gli zeri saranno…quelli che vuoi tu.” Il tale mise subito in atto quanto promesso ed Anna si trovò ad ingoiare tanto sperma, evidentemente il signore era un bel po’ di tempo che non…Poi si rivolse al didietro: “Mettiti della pomata, ci andrò piano e poco dopo  si intrufolò nel culino. “Toccati la clitoride così proverai il doppio gusto.” Il signore non sapeva che la clitoride era in italiano maschile ma a chi importava. Intanto Anna aveva cominciato a godere, i buchino posteriore si apriva e richiudeva con gran piacere di José. “Sei veramente brava, voglio stare molto dentro di te.” Anna per farlo smettere: “Ho una sorpresa per te, io godo molto con le tette, prova a baciarmele. Appena in bocca i capezzoli divennero duri ed Anna cominciò a godere veramente (gliela aveva insegnato Alberto) facendo la felicità dell’amante che aveva imparato qualcosa di nuovo. “Ti prego vieni in fica, io godo molto col punto G.” Josè era andato in bagno, Anna mandò tanti bacini ad Alberto e fece un V con le dita in segno di…vittoria! Josè tornò in camera con ‘ciccio’ ammosciato, rispetto ad Alberto era un frana, toccò ad Anna rinvigorirlo prima con la bocca poi con le mani, giunto al punto giusto. “Mettilo dentro sino a metà della vagina, così godrò col punto G.” La previsione di Anna si avverò, ormai abituata col marito cominciò a godere alla grande, a lungo finché sfinita…”Basta, mi hai distrutto, sei un vero maschio.” Forse quella frase poteva valere un zero in più ma ancora la signora doveva guadagnarselo, Josè si mise supino con sopra Anna e riprese a baciarle le tette, la novità gli era piaciuta.. “Sono stanca, ti prego lasciami andare, non mi reggo più in piedi, mi hai fatto godere troppo, mai così in vita mia (la bugiarda). La frase inorgoglì il napoli-brasiliano che prese il blocchetto degli assegni e dopo l’uno fece scrivere ad Anna gli zeri. La puttanella ne mise sei in attesa…nessuna protesta, evviva un milione di €uro! Con l’assegno in mano, non trovando più il baby doll, scese nuda nel suo appartamento sventolando al marito, inebetito, l’assegno e poi nel letto in un sonno ristoratore meritatissimo. Il finale: Alberto con Anna e con Arlette, Silvio pure con Anna e con la consorte, Arlette ed Anna fra di loro e con i rispettivi mariti, evviva l’anticonformismo godereccio!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento