username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

13 settembre alle ore 9:21

UNO ZIO D'ITALIA

Il racconto

Normalmente si parla di eredità pervenute da uno zio d’America, questa è una storia all’incontrario un nipote americano che eredita da uno zio italiano. Tommaso Z. ebbe la notizia da un notaio italo americano di New York dove abitava, John Santoro il quale: “Complimenti giovanotto è deceduto a Jesi in Italia un tuo zio Domenico M., pare sia un bel mucchio di dollari ossia di €uro, questo è l’indirizzo di un notaio del luogo, Santino D. auguri.” Tommaso M. a New York, di professione modello, era un po’ squattrinato perché era un amante del lusso, frequentava ambienti particolari in cui la differenza fra maschietti e femminucce era minima insomma…avete capito. Giunto in aereo a Roma Fiumicino arrivò a Jesi, in quel di Ancona, col treno e, per comodità, prese alloggio in un albergo vicino alla stazione ferroviaria. Il giorno successivo contattò per telefono il notaio Santino D. il quale, molto sensibile al denaro, fu molto cortese col suo nuovo cliente, si diedero appuntamento nella sala da pranzo dell’albergo. “Sono anni che faccio il notaio ma un patrimonio come quello che le ha lasciato suo zio ne ho visti pochi. Finito di mangiare andremo nel mio studio dove ho tutte il carteggio.” Si trattava di beni mobili ed immobili e notevoli somme in titoli. Tom, un po’ frastornato, mise un sacco di firme senza rendersi conto di quello che firmava, fiducia al notaio. “Vorrei acquistare una Jaguar.” “Il concessionario si trova a Pesaro, un po’ lontano, potremmo controllare gli avvisi di vendita sul giornale locale.” Tom fu fortunato, non il proprietario dell’auto che era stato costretto a venderla per motivi economici; si trattava di una X Type, quasi nuova, il cui prezzo era stato fissato in €uro ottomila come da listino di ‘Quattroruote’. Leonardo, lo sfortunato di cui sopra, faceva parte di uno staff di avvocati di un grande studio. La crisi aveva toccato anche il settore e Leonardo era stato licenziato, malgrado i suoi sforzi non era riuscito a trovare un altro incarico, per ora andava avanti con i risparmi, la Jaguar, tanto desiderata, era stata sacrificata. Leo incontrò Tommaso nell’albergo della stazione, fece provare la macchina all’acquirente e, intascato un assegno, mogio mogio stava per andarsene a prendere l’autobus quando Tommaso: “Non sia mai che la lasci andare a piedi, mi indichi la strada, l’accompagnerò a casa sua. Giunti dinanzi al portone Leonardo ritenne opportuno ricambiare la cortesia con l’invitare a casa Tom il quale fu contento di avere già conquistato un’amicizia. “La mia casa è grande, presto dovrò lasciarla per motivi economici, in Italia c’è crisi e sono stato licenziato dal posto di lavoro.“ “Io di colpo sono diventato ricco merito di mio zio Edoardo M., ma che casa grande, se siete d’accordo potrei abitare con voi pagando l’affitto, l’albergo e così triste e poi lei potrebbe guidare ancora la Jaguar.” Leo e Stella si guardarono in viso, una manna: “Cara se sei d’accordo…” “Volentieri e poi mi sembra un signore simpatico.” “Anche voi due siete simpatici, io amo uomini e donne.” Leo spalancò gli occhi e rimase immobile, anche Stella rimase basita ma si riprese presto: “Vado in cucina, oggi un pranzo speciale in onore di Tommaso, possiamo darci del tu?” “Ma certamente, le  anzi ti farò compagnia, io sono bravo nell’arte culinaria…” La frase fu seguita da una risata da parte di Tommaso che andò con la padrona di casa in cucina. Leonardo cercò di inquadrare la situazione venutasi a creare, giunse alla conclusione che non c’era altra via d’uscita che assecondare l’ospite ricco e pagante. Ma le sorprese non erano finite, finito di cucinare Tom si presentò a tavola con un grembiale da cuciniere e poi: “Non vi scandalizzate se io mi spoglio un po’…” Tolto il grembiale restò con la parte inferiore del corpo nuda, altro choc da parte dei padroni di casa che ormai avevano capito come stavano le cose. Finito di mangiare, a Tommaso sempre nudo di sotto, fu mostrata la sua camera. “Oh che bello, c’è pure il bagno, dopo un riposino mi farò una doccia. Io vorrei fumarmi una Philips Morris, nessuno ne vuole?” Leo “Io uso la pipa, buon riposo.” Anche Leo e Stella andarono a riposarsi in camera da letto, non avevano nulla da dirsi, la frase latina quanto mai giusta in questo caso: ‘Pecunia non olet’, ormai avevano accettato la situazione pensando anche alla loro figlia Azzurra studentessa universitaria a Perugia. Alle diciassette Tommaso si presentò questa volta vestito in modo elegante: “Io a New York facevo il modello.” Stella: “Sei elegantissimo, complimenti!”  La furbacchiona, anche per sondare la situazione, baciò in bocca Tom il quale parve gradire: “Cara anche tu sei deliziosa, penso ci divertiremo. Domani usciremo insieme, voglio inaugurare la carta di credito che mi ha dato il notaio, spese pazze, allegria!” Era venuto fuori il lato positivo della situazione, il trio a passeggio per Jesi visitò vari negozi di moda sia maschili che femminili oltre ad uno per riempire la ‘cambusa’. “Amo spendere denaro ed amo anche voi due, non sono religioso altrimenti ringrazierei Dio di avervi incontrato.” Dopo pranzo Leo mise un  compact disk americano in onore dell’ospite che prese Stella per la vita e si mise a ballare baciando sul collo la padrona di casa. “Cara se tuo marito è d’accordo che ne dici di andare in camera mia?” “Io devo essere d’accordo non mio marito, go all’americana!” Per sua fortuna Leo non era mai stato geloso e poi non sapeva quello che sessualmente Tommaso avrebbe preteso da sua moglie, lei aveva detto che erano fatti suoi…Dopo un’ora Leo andò dietro la porta della camera di Tom, sentì dell’acqua scorrere, aprì la porta ed intravide nel bagno due corpi nudi, viva la pulizia! “Tua moglie è una donna deliziosa, andremo d’accordo anche con te vero? Intanto che ne dici se domattina andiamo un po’ in giro in macchina, guiderai tu con me vicino, Stella potrà riposarsi nel sedile posteriore.” Sembrava un linguaggio criptato,  chiese a Stella quello che aveva combinato col giovane, ormai non si sarebbe meravigliato di niente. “Tom mi ha spogliata, sul letto ha cominciato a baciarmi dalla bocca sino ai piedi che ha particolarmente apprezzato, deve essere pure feticista, mi ha baciato a lungo la ‘cicciolina, io ho avuto due orgasmi ma come uccello ce l’ha piccolino anche se gli è diventato molto duro, curiosamente ha due testicoli molto grossi, fine della prima puntata.” C’era poco da dire, Leonardo cercò di capire che cosa Tom avrebbe preteso da lui, intanto nel cassetto della scrivania, nel suo studio, aveva trovato un mucchio di €uro da cinquanta…Durante il viaggio verso Ancona, Tom fece fermare la macchina in uno spiazzo e : “Chiedo scusa ma mi è  venuta una voglia improvvisa, Leo ti dispiace se ti tocco l’uccello, mi è venuta la curiosità di vederlo!” e si mise all’opera nell’aprire la patta da cui venne fuori un ‘ciccio’ moscio ma lungo, “Immagino quanto sarà grosso quando è duro, chiuditi, ne riparleremo a casa.” Non rientrarono subito a Jesi, andarono al ristorante ‘Osteria del Pozzo’ dove gustarono un pranzo a base di pesce. “Ci sanno fare col pesce questi anconetani!” Battuta di Tom che fece sorridere i due coniugi. A casa: “Stella ti dispiace se ti sequestro il marito, non te lo strapazzo troppo! Preferisco andare in camera vostra, sarà una novità, io amo le novità. Chissà quante volte avete fatto l’amore qui, che ne dici se una volta invitiamo anche tua moglie?” “Ormai sei a casa tua…” “Una doccia ci renderà più profumati, vieni ti lavo le spalle ed anche le…ho pensato una rima, oh madonna lo immaginavo grosso ma non così, che dice tua moglie?” “È una porcona, le piace davanti e di dietro.” Ormai Leo voleva entrare nella parte dello zozzone per vedere come andava a finire, presto detto ‘ciccio’ in bocca a Tom che non solo gradì gli schizzi  ma ingoiò il tutto, alla faccia! “Hai un buon sapore, voglio baciare i tuoi ‘gioielli’ sono bellissimi, mi fermerò lì un po’ di tempo…E si fermò tanto a lungo da beccarsi un altro schizzo in bocca. “Per finire vorrei che mi toccassi il mio ‘ciccio’ è piccolino ma voglioso.” Leonardo non aveva mai toccato un altro membro maschile oltre al suo, cercò di fare del suo meglio: “Vai avanti fammi godere, c’è un regalino per te.” Il regalino ovviamente era in €uro che Tom trovò nel suo scrittorio domandandosi fin quando sarebbe durata la storia. Ultima novità: “Stanotte saremo in tre, dormirò con voi sempre che non vi dispiaccia! io starò in mezzo, voi due ai lati. Detto fatto, Tom allungò le mani a destra sull’uccello di Leo a sinistra sulla ‘cosina’ di Stella  cpm lòa conseguenza che a Leo ‘ciccio’ montò come la panna e Stellina cominciò a goderecciare o a far finta per far contento l’anfitrione il quale versò le sue attenzioni solo a  Leo. “Stella scusami ma vorrei andare dentro tuo marito, ho la vasellina non gli farò male e poi come vedete ce l’ho piccolo.” Detto fatto, il padrone di casa si trovò un cosino dentro il suo didietro, vergognandosi un po’ per la presenza della moglie, cosino che andava avanti ed indietro procurandogli una non prevista sensazione piacevole di cui lui stesso rimase meravigliato. Senti dentro il sedere uno schizzo fortissimo come fanno quelle pistole ad acqua che si usano in spiaggia, Leo stava per ritirarsi quando: “Ti prego fammi restare ancora, sono diecimila.” Un attimo di sincerità, senza essere troppo convenzionali in quelle condizioni che decisione avreste preso?” Leonardo fu per il si tanto più che la proposta fu reiterata e così diventavano ventimila. A Leo non mancò il senso dello humor anche in questa occasione: “Se mi regge il culo arriverò a centomila, non ci arrivò ma si beccò lo sfottò della consorte. “Non avrai più bisogno delle supposte per andare in bagno!” Pure preso per il culo. Una novità in casa M., Azzurra aveva comunicato che avrebbe passato un periodo a casa, arrivo l’indomani. Leonardo in Jaguar andò a prenderla alla stazione, grandi baci e abbracci, si volevano bene padre e figlia la quale fu informata in tutti i particolari delle novità avvenute nella sua famiglia. Leo si aspettava una reazione di confusione mentale da parte di Azzurra mentre la stessa: “Papà all’università di Perugia ne ho viste di tutti i colori, c’era perfino un ermafrodita brasiliana o brasiliano che dir si voglia, invece mi farà piacere conoscere questo Tommaso il quale si fece trovare all’ingresso elegantemente vestito. “Che ragazza meravigliosa, una modella, marito e moglie ci avete messo molto impegno, cara Stella se sarai d’accordo faremo qualche passeggiata insieme a Jesi e dintorni, sai guidare la Jaguar di tuo padre? Io preferisco fare il passeggero.” In un attimo Tom aveva cambiato tutto nel menage di casa anche con l’aiuto di Azzurra, partita persa per Leo e Stella che sperarono in un destino a loro favorevole, non c’era altro da fare. Giorno successivo acquisti da parte della pulsella nei vari negozi già visitati da suo madre e da suo padre, ormai erano conosciuti. Nuova conoscenza fu invece quella dei camerieri del bar Pardi, il migliore della città. Mostrando un biglietto da 50 €uro Tom chiese: “Portateci il vostro miglior prodotto.” “Abbiamo della eccellente pasticceria e del caffè freddo divino.” Il cinquantino sparì nelle tasche di Giovanni il cameriere più anziano che, dopo un quarto d’ora si presentò con quanto promesso. “Azzurra si buttò sui pasticcini mugulando per la gioia di mangiarli, Tom preferì il caffè che si dimostrò di sapore molto particolare, mai assaggiato. Finita Azzurra di abbuffarsi Tom: “Complimenti, verremo altre volte in questo bar, per favore riservateci il tavolo più nascosto, a presto.” “Mamma non ho fame, sono andata da Parti ed ho fatto la porcellona:” Allarmata Stella:”In che senso?” “Mi sono riempita di pasticcini, buonissimi come ricordavo, una volta ci porteremo anche te e papà, per oggi niente pranzo.” Il giorno successivo, la mattina, i due giovani si erano dati appuntamento nel soggiorno per la prima colazione, Tom era vestito sportivo, Azzurra indossava parte dei vestiti acquistati il giorno precedente, papà e mamma se ne accorsero ma non fecero commenti d’altronde…Azzurra si diresse verso Cingoli paese montano dove d’estate andavano in villeggiatura molti romani. “Qui conosco una ragazza titolare di un negozio di articoli fotografici, è simpatica, te la presenterò. “Concetta questo è Tommaso il mio fidanzato americano, abbiamo dimenticato di portare una macchina fotografica…” “Ve la presto io.” “Preferisco acquistarla, qui c’è la mia carta di credito.” “Caro Tommaso, cara ti costerà, milleottocento €uro, meglio che…” “Vai facile, sono ricco.”Azzurra seguì l’amica nel retro della bottega: “È vero che sta bene a soldi?” “E tu pensi che mi prendevo un morto di fame, sto scherzando, è veramente ricco.” Ovvio sguardo d’invidia dell’amica:”Se al ritorno avete scattate delle foto, portatemi la scheda, riesco a stamparle in poco tempo.” Tom e Azzurra si allontanarono dal centro e si spinsero sino al monte S.Vicino, Tom cominciò a scattare foto a ripetizione di Azzurra prima vestita e poi sempre più spogliata sino al nudo totale, la ragazza non era conformista, questo fece molto piacere a Tom a cui era venuto un certo pensiero in testa. Telefonarono a casa, è buio, preferiamo dormire a Cingoli in albergo, a domani.” Leo e Stella si domandarono angosciati cosa sarebbe successo fra i due, ma erano impotenti a cambiare il destino, quella notte dormirono poco come i due giovani che avevano molto da dirsi: “Caro Tom io sono una ragazza del ventunesimo secolo, a Perugia ho visto molte cose cambiate in tutti i campi nei giovani, su due cose solo non transigo sul buon gusto e sulla violenza oltre naturalmente che sui pettegolezzi della gente che per i ceti più alti come il nostro comporterebbe un cambiamento di città, io devo laurearmi in medicina, specializzazione ginecologia.” “Allora ami di fiorellini?” “Non più di tanto, anche se non sei un tipo normale come si dice in gergo, penso che tu sia di animo buono, cosa che io apprezzo, per il resto vedremo ma non ti preoccupare, non sono religiosa, penso che tutti i prodotti generati su questa terra sono frutto della natura, io li accetto come accetterò te con tutti i tuoi problemi, questo è il nostro matrimonio che durerà per sempre, perlomeno da parte mia…” Tommaso ebbe un pianto irrefrenabile, aveva trovato la persona giusta per sé, l’avrebbe amata e rispettata per sempre.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento