username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Presutti

in archivio dal 01 dic 2005

17 ottobre 1958, Firenze

segni particolari:
Amo indossar il papillon

mi descrivo così:
Poeta estempore, odio il poetese, amo poetar poetando, libero dalla prigionia della rima, che come schiavitù opprime il sentimento e l'emozione che vo' cantando.

20 dicembre 2005

Auguri Feste 2005

Vorrei che questo nostro tempo
che ci è nemico
coi suoi affanni e il suo frastuono
trovasse a Natale un attimo di pace
di fermo, come il gesso di cui è fatto il pastorello
che dal presepe ci ricorda che è passato un altro anno.
E i nostri occhi
che cercan il bene
tra i mille colori del Natale
risplendano di un lampo di novità
nel profumo di fine Dicembre
dove l'unica cosa
che non dev'esser vacante
è l'amore
come un dolce tremolio nel cuore
che par ancora bello
perché è Natale!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento