username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 21 feb 2012

Aldo Fabrizi

01 novembre 1905, Roma
02 aprile 1990, Roma
Segni particolari: Avevo l'hobby della gastronomia e amavo in modo particolare cucinare la pasta e, sulla pasta e le sue tante e diverse ricette, scrissi anche alcune poesie in dialetto romanesco.
Mi descrivo così: Sono stato innanzitutto attore, poi sceneggiatore, regista e poeta italiano.

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 21 febbraio 2012 alle ore 17:11
    L'invito

    Nun m'aricordo bene in che paesetto,
    quanno che mòre un capo de famìa,
    er parentado je fà compagnia,
    facenno un pranzo intorno ar cataletto.
    La tradizione vo' che 'sto banchetto,
    preparato durante l'agonia,
    se faccia, senza tanta ipocrisia,
    cor medico, cor prete er chierichetto.
    Doppo li pianti la famìa se carma
    e ar punto che la pasta viè servita,
    se brinda a la salute della sarma.
    Poi c'è l'invito pe' nun faje un torto
    e si a st'invito nun ritorna in vita,
    significa ch'er morto è proprio morto.

     
  • 21 febbraio 2012 alle ore 17:09
    Magnà e dormì

    So' du' vizietti, me diceva nonno,
    che mai nessuno te li pò leva',
    perché so' necessari pe' campa'
    sin dar momento che venimo ar monno.
    Er primo vizio provoca er seconno:
    er sonno mette fame e fa magna',
    doppo magnato t'aripija sonno
    poi t'arzi, magni e torni a riposa'.
    Insomma, la magnata e la dormita,
    massimamente in una certa età,
    so' l'uniche du' gioje de la vita.
    La sola differenza è questa qui:
    che pure si ciài sonno pòi magna',
    ma si ciài fame mica pòi dormì.

     
  • 21 febbraio 2012 alle ore 17:07
    La dieta

    Doppo che ho rinnegato pasta e pane,
    so' dieci giorni che nun calo, eppure
    resisto, soffro e seguito le cure...
    me pare 'n anno e so' du' settimane.
    Nemmanco dormo più, le notti sane,
    pe' damme er conciabbocca a le torture,
    le passo a immagina' le svojature
    co' la lingua de fòra come un cane.
    Ma vale poi la pena de soffrì
    lontano da 'na tavola e 'na sedia
    pensanno che se deve da morì?



    Nun è pe' fa' er fanatico romano;

    però de fronte a 'sto campa' d'inedia,

    mejo morì co' la forchetta in mano!