username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aldo Palazzeschi

in archivio dal 24 ago 2011

02 febbraio 1885, Firenze

17 agosto 1974, Roma

segni particolari:
In realtà il mio nome è Aldo Giurlani. La mia famosa  "Lasciatemi divertire" è il manifesto della mia poetica.

mi descrivo così:
Uno dei maggiori poeti del Novecento.

24 agosto 2011 alle ore 17:02

Comare Coletta

"Saltella e balletta
comare Coletta!
Saltella e balletta!"

Smagrita, ricurva, la piccola vecchia
girando le strade saltella e balletta.
Si ferma la gente a guardarla,
di rado taluno le getta denaro;
saltella più lesta la vecchia al tintinno,
ringrazia provandosi ancora
di reggere alla piroetta.
Talvolta ella cade fra il lazzo e le risa:
nessuno le porge la mano.

"Saltella e balletta
comare Coletta!
Saltella e balletta!"

– La tua parrucchina, comare Coletta,
ti perde il capecchio!
– E il bel mazzolino, comare Coletta,
di fiori assai freschi!
– Ancora non hanno lasciato cadere
il vivo scarlatto.
– Ricordan quei fiori, comare Coletta,
gli antichi splendori?
– Danzavi nel mezzo ai ripalchi,
n'è vero, comare Coletta?
Danzavi vestita di luci, cosparsa di gemme,
E solo coperta di sguardi malefici, vero?
– Ricordi le luci, le gemme?
– Le vesti smaglianti?
– Ricordi gli sguardi?
– Ricordi il tuo sozzo peccato?
– Vecchiaccia d'inferno,
tu sei maledetta.

"Saltella e balletta
comare Coletta!
Saltella e balletta!"

Ricurva, sciancata,
provandosi ancora di reggere alla piroetta,
s'aggira per fame la vecchia fangosa;
trascina la logora veste pendente a brandelli,
le cade a pennecchi di capo il capecchio
fra il lazzo e le risa,
la rabbia le serra la bocca
di rughe ormai fossa bavosa.
E ancora un mazzetto
di fiori scarlatti
le ride sul petto.

"Saltella e balletta
comare Coletta!
Saltella e balletta"

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento