username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alessandro Betta

in archivio dal 15 ott 2015

21 ottobre 1992, Voghera - Italia

mi descrivo così:
eStudio Filologia moderna a Pavia e sono membro dell'a.p.s. Spinofiorito, che si occupa di cultura medievale e poesia trobadorica in Oltrepò Pavese (Oramala, Val di Nizza, PV). Sono batterista e dedico molto tempo alla scrittura.

15 ottobre 2015 alle ore 19:10

Il sonno

Piove la notte, piove,
e sto disteso, senza respirare,
tra la voglia di lasciarmi e ritrovarmi un giorno,
e l’andar via, codardo, nel sonno blu.
Le strade più polverose le trovo dietro le palpebre
che nere della notte sferragliano in giù;
e come di un caffè, ronza l’insegna:
scintilla; tace.
La polvere delle strade solletica il naso;
sbadiglio un’idea,
che scivola silenziosa in un canale di scolo.
Scommetto un sasso di fiume che non la rivedo;
le parole mi muoiono in bocca, di fame,
e una foglia di noce lentamente cade,
come la mia lingua.
Schiaffeggia il suolo, mentre la notte
grandina dal cielo,
e noi, incapaci,
vorremmo parlare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento