username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alessandro Ranieri Guida

in archivio dal 29 set 2008

06 novembre 1982, Roma - Italia

mi descrivo così:
Amo scrivere Poesie, racconti e testi teatrali. Il mio sogno è quello di realizzare un mio progetto letterario o con una pubblicazione o con una rappresentazione.

01 ottobre 2008

Metti caso

Quando c’hai quer pensiero fisso
che te prende,
nun capisci perché ce pensi ma sta lì
come a chiamatte
e tu sordo nun glie voi risponde,
ma quello da là nun se ne va,
aspetta,
tanto nun c’ha fretta,
tanto lo sa che sei tu
a volello presente.

 

So quei pensieri strani
che quando ne parli te se gela er sangue
e nun te se scalda nemmeno quando fai all’amore,
se mette sul gozzo e nun te se ne va,
e tu alle ore più ce ragioni sopra
e più aumenta come un malore.
Cerchi ‘na spiegazione a tutto
perché semo umani,
ma quando nun se parla de reale ma d’astratto
te volgi al cielo co' paura
o da ateo te giudichi la vita tua com’è stata
e poi te rassegni dicendo: "Beh, tanto male nun m’è annata";
oppure: "I soldi nun so tutto, ma so morto de fame";
o ancora: "Ho campato come un Re, meglio de così nun potevo crepà!"

 

Certo che uno fa ‘na vita pe’ crea un qualche cosa
e poi tanti saluti e grazie è stato un piacere?!
Sarebbe ‘na vita inutile senza un dopo
ma qui nun stamo a parlà de religioni
o de chissà quale miscredenza,
parlamo der significato della vita,
senza calcola' der valore morale ed etico
perché nun semo filosofi,
ma della vita in sé!
Ci dev’esser un Dio pe’ forza,
nun perché bisogna credere in un qualche cosa
a tutti i costi,
ma pe’ la semplicità e la continuità delle cose,
un disegno divino ce sta sempre,
e se la Scienza pe’ questo ha bisogno
come San Tommaso de prove,
poiché siamo umani,
anche il più ateo de loro
prima de morì se convertirà in una religione,
nun tanto pe’ fede
ma perché nu se sa mai se c’aveva torto.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento