username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alex Prosperi

in archivio dal 12 ago 2009

09 luglio 1989, A Cento Metri Da Me Stesso

25 giugno 2011 alle ore 16:52

Amen

Come anguille nella sabbia si dimenano
gli umanoidi disarticolati,
hanno pezzi di carne di cane fra i denti,
hanno paura e si sentono soli.
I deficienti gli corrono dietro,
attratti da tanto rumore,
perdendo brandelli di cuore,
uno ad uno, rivestendo le spiagge e le notti
di anguste e perverse elucubrazioni,
s'addormentano.
Nella polvere e nel sole stanno tutti,
anguille e deficienti, ansanti e sconfitti
dal caldo e dal tempo e dall'ultimo amore,
si cibano di parole, s'accasciano nel miele,
malinconia e rancore li stanno a spiare,
prima che facciano il loro passo,
per poi attaccarli alla giugulare.
Morte non li separa, ma solo Morte...
solo Morte verrà ad unirli,
per sempre, nei secoli dei secoli.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento