username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alex Prosperi

in archivio dal 12 ago 2009

09 luglio 1989, A Cento Metri Da Me Stesso

31 ottobre 2009

Racconti di Paesaggio

Dorme rosso un tappeto di foglie
ai piedi degli alti faggi,
dove planano arrugginiti
rossi i miraggi.
Dove la terra accoglie gli ori,
dov'è il silenzio,
i passi dell'uomo persi
all'infuori del tempo.

Cade lenta come sera una foglia,
vi brilla sopra una goccia,
Terra aspetta attonita l'inverno
come la pioggia.
Come la pioggia aspettano in mare,
sospinti dal vento
i marinai per sentirsi
ancora parte del mondo.

Nei sentieri dove dorme il mondo,
dove giacciono i segreti del tempo,
nei rovi delle aiuole d'oro,
dove un momento
è eternità,
dove danzano rugiade di sera,
dove danzano folletti di legno,
nei fili di erba bagnati
da gocce di sogno
c'è la realtà!

Rosso come i binari che vanno via
dentro le notti che sanguinano
dalle gole dei portici
dentro la città...

bianca una luna vecchia e stanca
dorme sopra le macerie antiche
guarda dall'alto i portici
della città...

Bianca come negli occhi dei cani la fame.
bianca riflette la sua faccia per strada,
ma rosso fra qualche
ora sarà.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento