username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alex Prosperi

in archivio dal 12 ago 2009

09 luglio 1989, A Cento Metri Da Me Stesso

18 agosto 2009

Racconto di un sogno profumato in azzurro

Io non potrò mai scordare
l'azzurro odore del mare,
gli occhi tuoi verdi e il colore
delle nostre notti...

il ghiaccio del bianco del cielo,
quando le nuvole in alto
presagi di pioggia e di gelo
portavano a noi....

Poi tu mi dicevi di restare,
che ancora un bacio volevi
e nelle lenzuola bruciava
caldo l'ardore...

Poi brividi lungo la schiena
dentro quel caldo di inferno,
la città, piano, fuori moriva
lungo le strade....

E noi...
nel nostro mondo
ma poi
tutto era un sogno:

Lassù nel cielo bionde le stelle
dall'alto guardavan, sulla città

i giochi d'amore, persi nel buio, i
caldi tuoi baci, chi mai scorderà!

E le mille sere nella tua stanza
con tutto un mondo chiuso dillà!

I passi tuoi scalzi, quella finestra
e quella voglia di libertà!

L'acqua che scende è brina dorata
e il candido fiore tuo sboccerà,

intanto gia il sole sale dal mare,
piano ora il giorno ritornerà...

ma resterò qua....

E dormirò ancora, ancora un minuto
per poterti riavere di nuovo qui accanto
e spezzerò le ali nere del tempo
per non svegliarmi al mattino.

Per avere ancora, ancora il sapore
tuo dentro, dolce-amaro, da amare.
E per sentire ancora l'odore
azzurro, azzuro che ha il mare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento