username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alvaro Filippo Michelon

in archivio dal 17 set 2011

06 febbraio 1963, Acqui Terme (AL) - Italia

segni particolari:
Nessuno.

mi descrivo così:
Estemporaneo eclettico.

18 settembre 2011 alle ore 0:25

Agosto '66.

E' tutto quello che mi è rimasto
di quell'anno:
una fotografia in bianco e nero sbiadita.

Ci sono io
su una spiaggia
con un costume di spugna
che do la mano a te

6 anni in due

ovviamente non so chi tu sia
e mai lo saprò

ma tu sorridi
con gli occhi chiusi
il sole in faccia
e le nostre ombre proiettate all'indietro.

C'è un mare grigio
con un'onda bloccata a metà
e una donna che si sta tuffando
bloccata a metà anche lei.

Agosto del '66
tutto dentro una fotografia di 10 x 15.

Il mio sguardo è triste.

Quella fu la vacanza
prima della tragica alluvione che colpì
la mia città due mesi dopo.

Sabbia, sole, cielo, mare e gente.
Tutto in bianco e nero.

Ma è a colori
il ricordo
di mia madre
piegata in due
che asciuga l'acqua sporca in salotto
secchi di alluminio ovunque

odore di muffa

e mio padre
giù da basso
nel garage
che bestemmia
mentre spala fango
intorno alla macchina appena comprata

e io
con l'acqua alle caviglie
che tremo dal freddo
con la mano sinistra aperta
che ripenso a quando era stretta
a quella della bambina
sulla spiaggia
qualche mese prima.

Chissà dove sei ora.
Chissà cosa stai facendo.
Sarai una donna.
Avrai dei figli.
Oppure sarai morta.

Ma non per me.

Io e te saremo sempre vivi.
Mano nella mano.
In bianco e nero.
Sbiaditi.
10 centimetri per 15.

Con il mare
la gente
e gli sguardi

bloccati a metà.

Hal.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento