username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alvaro Filippo Michelon

in archivio dal 17 set 2011

06 febbraio 1963, Acqui Terme (AL) - Italia

segni particolari:
Nessuno.

mi descrivo così:
Estemporaneo eclettico.

18 settembre 2011 alle ore 7:30

La disperazione dell'anima.

…e mi svegliai una mattina d’ottobre
con la pioggia che lavava Genova;

la notte appena trascorsa
non aveva prodotto nulla di buono;

ero sempre un nessuno,
che scriveva poesie,
che nessuno leggeva;

il mio romanzo andava avanti a rilento: 20 pagine in tre mesi;

ricordo di aver pensato al suicidio,
alle guerre e alla sofferenza,
e che sarei rimasto a guidare un camion
per il resto della mia esistenza;

ricordo anche che passando dal corridoio,
mentre andavo in cucina
a preparare il caffè
scorsi una busta sotto la porta d’entrata;

era il mio padrone di casa
che voleva i soldi dell’affitto;
e li voleva subito,
ne aveva bisogno,
era stanco di aspettare;

mi feci il caffè
e lo bevvi;

poi indossai un vestito decente
e scesi di due piani;

suonai, tremando, il campanello del suo appartamento,
e quando egli aprì mi investì come un cane,
come un ladro,
come l’ultimo degli straccioni;

ricordo di aver pensato
alla mia intelligenza
e a quanto lui fosse stupido;
ma in quel momento era Dio,
un Dio cattivo,
che non perdona,
che non capisce,
che non attenderà più;

il suo pavimento accoglieva il mio sguardo,
prono,
vile,
senza dignità;

urlava cose vere,
urlava che ero un fallito,
e che non sarei mai stato nessuno;

e quando gli dissi
che gli avrei dato i soldi tra una settimana,
mi disse che andava bene,
ma che trascorso tale tempo
avrei dovuto liberare l’appartamento;

poi indietreggiai di tre passi
e uscii dalla sua vita.

Ritornai nella mia stanza,
due piani sopra la sua;

continuava a piovere;

mi versai del caffè: era ancora caldo;

scrissi qualche riga ed ascoltai la radio.

Sette giorni dopo,
lasciai i soldi che dovevo, insieme alla chiave d’entrata,
dentro una busta
e la feci scivolare sotto la sua porta.

Era martedì. Un bellissimo sole scaldava le vecchie case dell’angiporto.
Il solito traffico martoriava Cornigliano.
Ancora non lo sapevo, ma per 8 mesi, un camion, sarebbe stato la mia casa.
In via Bagnasco.
Dove c’era posto.
Come quando scrivi una lunga poesia, sull’ultimo foglio che ti è rimasto. Hal

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento