username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Andrea Amadori

in archivio dal 22 mag 2007

17 ottobre 1966, Ancona

28 marzo 2008

Locuzione

Marzo, incessante la pioggia
porta a passeggio gli odori del porto.
Per quest’anno non ci sarà altro freddo
ma nemmeno se ne andrà, per ora.
Sorrido – tra me e me – come un idiota
completamente escluso, nella musica.

La voce è ritornata dal telefono
ma il profumo no, proprio come
non potrebbe il mio, di farina lattea,
se per posta spedissi questi versi:
una lettera non porta con sé
– seppur dovrebbe – odori del mittente.

Pensavo che – da me – sarebbe stato
capolinea: eravamo così uniti che
se facevi un tiro dalla cicca
io espiravo il fumo dalla bocca.
Invece ero penultima stazione,
ossia: una ripartenza.

Come per lusso e amore che insieme
non possono convivere – non c’è
spazio sufficiente per entrambi,
nell’uomo – lasciai per il secondo il primo.
Lasciai anche il due e m’è restato il tempo:
quello a venire ed il presente che

prendo a disporre per passato, ma
l’autoscatto non può farti più bello
della foto che vorresti ti scattassero.
Ora – se amo – penso più ad un’eruzione,
imprevista e temporale o una reazione
chimica che non si riesce a controllare.

Marzo, una pioggia da terzo girone
batte e lucida il selciato che non porta
in nessun posto, se non all’auto.
Un’altra serata ingannatempo,
di vino, di brindisi alla buona sorte
che basta per la lunghezza dei pensieri.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento