username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Andrea Callegaro

in archivio dal 26 apr 2006

13 ottobre 1974, Dolo (Ve)

26 maggio 2006

Nina e Barabba

Intro: Una storia d'amore ai tempi della "Spagnola". Un racconto breve e gradevole di Andrea Callegaro; dove la tradizione dela propria terra è sangue vivo, dove la lingua dialettale è semenzaio del nostro italiano.

Il racconto

Dalle nostre parti si emigrava, c’era la fame e la malaria che ammazzava. La tavola è rimasta apparecchiata quando è arrivato quel telegramma. Con le valigie pronte da mesi bastò chiudere la porta e partire, salire sulla nave  e non pensare. “Nina, no sta piansare, che anca in cao al mondo mi vegno a sposarte” ma Barabba non aveva un soldo, era uno sbandato, povero e alcolizzato.

A San Paolo la vita era dura e ogni treno che fischiava la famiglia sospirava. Nessuno sa come ma Barabba in Brasile ci arrivò. Lui e Nina si sposarono e in Italia ritornarono.

Ma la Spagnola che non portava certo allegria si prese Nina e se la portò via. Caricata su una carriola per portarla alla fossa Barabba non fece la strada più corta. E ad ogni osteria: “Nina, ti spetame qua, che me bevo ‘naltra ombra”.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento