username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Andrea Castellini

in archivio dal 13 lug 2011

31 dicembre 1972, Forlì - Italia

segni particolari:
Creativo applicato alla musica ed alla scrittura. Per quanto riguarda la musica...

mi descrivo così:
Creativo applicato alla musica ed alla scrittura...niente deve essere banale.

09 agosto 2011 alle ore 19:25

Delirio consapevole

Il racconto

Cosa succede attorno ai miracoli ?
Davvero il paesaggio si rinnova di luce
confortante e risponde con il
silenzio di cinguettii
e l' arrestarsi del flusso dei torrenti?
É davvero l' unico momento in cui si
può guardare il sole senza conseguenze ?
Davvero in quel momento il suddito
può guardare in faccia il suo
re senza abbassare lo sguardo ?
Il miracolo contiene il germe che prelude
allo stupore, sfrutta la consapevolezza
degli uomini che non possono
affermare di aver sognato;
il miracolo sa di avere con il sogno
un rapporto duale e sincero. 
Non si sovrappongono, si inseguono.
É una coppia ben collaudata e saggia,
che cerca dopo millenni di continuare a
stupirsi a vicenda, mantenendo ritmi
irrinunciabili e pochi ma basilari punti fermi,
l' universale rapporto in concordia.
Il miracolo ha già letto e tradotto da
ogni linguaggio quel che sarà scritto.
Il sogno imparerà dal miracolo tutto ciò che
la notte ha già divulgato
senza coglierne il senso.
Al nascere del giorno, può capitare di
aver vissuto qualcosa di curioso o grottesco.
A quell' ora il miracolo prende il sopravvento;
è il suo turno massacrante di lavoro da sempre,
stupire più di un sogno.
Pazienza se poi, troppo spesso si avverte
di vivere in solitudine dentro al miracolo.
Non sentendo quel che sentono gli allegri
capannelli di conoscenti,
che sembrano vivere attorno al
proprio miracolo,
girandoci intorno soddisfatti.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento