username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Andrea Onori

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Andrea Onori

  • 22 gennaio 2009
    Radi

    Radi era un picchiatore esasperato
    Un piccolo fomentatore d’odio
    Radi era un feroce assassino
    Era un barbaro, figlio di nessuno

     

    Radi era uno sciacallo
    Un pericoloso selvaggio
    Radi era un rozzo
    Un uomo ma un poco di buono

     

    Cospirava contro qualsiasi individuo
    Malediva il giorno in cui era nato
    Odiava i suoi genitori
    Gli avevano rovinato le mani,
    la schiena il cuore il futuro

     

    Radi odiava il suo passato
    la sua brutale adolescenza
    per lui non erano ricordi di giovinezza
    ma solo crudi momenti di violenza

     

    Aveva imparato a vivere in quel modo
    Così brutale così crudele
    Non trovava mai spazio
    Neanche un angolino in tutto il mondo

     

    Radi aveva gli occhi rossi di rabbia
    Ed aveva perso la pazienza
    Era un orco
    E tutti avevano paura del suo volto

     

    Radi non aveva mai avuto fortuna e felicità
    Non aveva mai avuto un vero amico
    Nessuno l'aveva mai capito
    Ormai aveva già deciso

     

    Desiderava per una volta scegliere
    In prima persona le sorti del suo futuro
    E lasciando un biglietto sulla riva del mare
    Dal vento si lasciò trasportare

     

    E mentre l’alba lo cullava
    L’oceano lo divorava
    E mentre si allontanava dalla vita
    Il cuore batteva sempre di meno

     

    Per Radi ora non c’era più scampo
    Non c’era più ritorno
    Ma per la prima volta
    Era felice e sereno.

  • 22 gennaio 2009
    L'eternità dell'amore

    Paradiso non in cielo ma qui nella terra
    Aria di freschezza di amore e di giovinezza
    L’immortalità della materia non vale nulla
    Se dinanzi non c’è l’eternità dell’amore

     

    Sogni quello che vorresti nella tua vita
    Lotti, protesti, ti metti in discussione
    E si realizza quello che per la prima volta
    lo hai provato con la tua mamma

     

    Sentimenti  profondi che non hanno parole
    per essere raccontati con banali discorsi
    perfetti portatori di benessere
    e riempiono di sostanza il cuore

     

    Uno sguardo può trasmetterti forti emozioni
    che non dimenticherai molto facilmente
    senti il gusto del vivere la vita con felicità
    perché l’emozione che provi mai si cancellerà

     

    Un bacio dolce sulle labbra nutre il cervello
    di ricordi che porterai nel tuo bagaglio
    non ti esaurirai mai di richiamare alla mente
    il tuo nobile e immenso amore

     

    ti tornerà sempre in mente
    insieme a quel gustoso sapore di miele
    come il rumore di un tuono che avverte la terra
    il tuo cuore ti sussurra per raggiungere la stella

     

    con una dolce carezza affettuosa sul viso
    si può possedere il mondo in mano
    ma se non c’è la mano giusta
    l’incantesimo resterà vano

     

    non sentirai quella sensazione di freschezza,
    quel piacere e di amore che scorre nelle vene
    che ti sotterra nei momenti di dolore
    che riempie la tua vita d’amore

     

    le stelle applaudono la notte
    dopo aver fatto smisuratamente l’amore
    in silenzio finisce con un abbraccio
    e con addosso il sudore ed il piacere

     

    Poi si chiudono contemporaneamente gli occhi
    Ricordando teneramente quel che è stato
    e allora capirai senza andare al dettaglio
    che è stato un attimo immenso ed eterno

     

    Il regno dei cieli è qui nel mio mondo
    nel momento in cui dal grembo della mamma
    nasce dopo mesi di attese un delizioso infante
    sboccia come un fiore e attende le dovute cure

     

    insegnargli il cammino infinito della vita
    e vederlo crescere sempre con il sorriso
    per un genitore il compito più arduo
    è saper costruire un infinito al suo piccolo bambino

     

    Come tutti gli esseri umani morirò prima o poi
    ma ricorderò di aver vissuto l’eternità in terra
    di aver afferrato al momento giusto con pazienza
    e goduto di attimi irripetibili dell’amore

  • 22 gennaio 2009
    La poesia danza

    La poesia serenamente danza
    Sui suoni dell’amore
    La penna si posa con discrezione
    Su un foglio bianco da riempire
    con parole morbide
    che escono dal cuore

     

    si innalza un forte sentimento
    dettato dal forte calore
    che provoca ogni battito del cuore
    ogni parola è un’angelica melodia
    che riesce a sensibilizzare
    la parte nascosta della materia umana

     

    ogni lettera è una lieta nota
    accarezzata da un dolce scirocco
    che scalda le parole
    per renderle piene d’amore
    e darle in dono al destinatario
    che trasmettendomi il suo sentimento
    a comporla mi ha aiutato