username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Angelo Frungillo

in archivio dal 09 apr 2008

13 dicembre 1960, Napoli

mi descrivo così:
Sereno

10 agosto 2015 alle ore 10:06

Sud

La barca da pesca si ferma lenta laggiù
ed un uomo solo dondola fra le onde lente,
fermo nel tempo, e lontano sembra di più,
la leggenda d’Ulisse, il mare  racconta silente.
 
Le mura bianche a calce brillano al sole,
impaglia la vecchia all’ombra d’un cedro,
le navi fenicie non innalzano al celo le vele,
niente è più qui, niente ritorna più indietro.
 
Vado lento sotto l’ombra del mio panama,
il vento soffia lento e canta, fra l’edera e il bambù,
antiche musiche e canti lieti e tristi di tutte le tribù,
che per la storia furon vere, ed ora son solo di più.

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento