username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Angelo Frungillo

in archivio dal 09 apr 2008

13 dicembre 1960, Napoli

mi descrivo così:
Sereno

30 maggio 2008

Una finestra alle spalle di Rembrandt

Il mondo si chiude in questo spazio :
una finestra alle spalle di Rembrandt;
Un oceano biondo mi rallegra e mi invita,
i caffè brillano, i gatti scattano,nessuno è mai sazio.

Il gusto acre dei crauti e dell'olio mi penetra,
scendere o non scendere, pensare o non pensare,
e guardare, oltre le siepi, oltre la ronda.Ai tavoli dei bar
ognuno suona la sua musica languida: è insieme un'orchestra.

Domani non saremo più qui,ma non saremo nemmeno altrove,
la piccola fanciulla con la perla all'orecchio, occhieggia,
scaltra e malinconica, dallo scaffale della vecchia libreria,
la rivedremo, la rivedrò, tornerà a casa? O sarà in ogni dove.

L'acqua è cupa e ferma, la luce la scandaglia inutilmente,
è piccolo e tortuoso questo canale, come il suo ponte sospeso
fra il nostro sorriso ed il cielo. La piccola dutch sorride, e le sue
treccine bionde si perdono fra oli e tempere del secolo splendente.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento