username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Antonio Sammaritano

in archivio dal 07 dic 2005

03 aprile 1960, Mazara Del Vallo (TP) - Italia

mi descrivo così:
Amore per la pittura la letteratura e i libri. Nel 2005 ha stampato, autofinanziandola e in forma inedita, la prima raccolta di poesie curandone anche la grafica: 20 copie per gli amici. 

07 dicembre 2005

Sogno di te

Sogno di te che forse non esisti,

Come tanti cristi: vite logorate da progetti.

Semafori rossi in desolati incroci,

verde smeraldo al centro di New York.

Non so più in là che mi onora o insulta;

un saturo catino allo scoperto

ove ogni meschino butta quel che crede.

Piove sul guanciale del mio letto monco

e colgo sull’altro te, araba fenice;

privata del dolore di una doglia,

per l’intonare di un usignolo muto.

Ma devo dormire anch’io anche quel poco.

Con il tuo fuoco che fallace brucia

anche una casa che disegno senza posa;

chi smercia i sogni è chi non sa sognare

e chi li compra lo fa anche sin troppo.

La concretezza, lo sai, è solo il dubbio:

l’anelito di questa tua esistenza,

fragile embrione nel suo viaggio incerto.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento