username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Arthur Rimbaud

in archivio dal 07 feb 2002

20 ottobre 1854, Charleville - Francia

10 novembre 1891, Marsiglia - Francia

segni particolari:
Tanti, troppi per chiuderli in questa casella, chiedete a Paul Verlaine.

mi descrivo così:
Un poeta veggente alla ricerca dell'autentica lucidità attraverso un "lungo, immenso e ragionato sregolamento di tutti i sensi".

01 aprile 2006

Bruxelles

Aiuole d'amaranti fino al piacevole palazzo di Giovè
So che sei tu a mescolare fra queste edere
il tuo Azzurro quasi di Sahara.

Poi, come la rosa e l'abete del sole e la liana
hanno qui i loro giochi apportati, gabbia della piccola vedova!...
Quali stormi d'uccelli, oh ia io, ia io!...

Case calme, antiche passioni! Chiosco della Folle per amore.
Dietro le natiche dei rosai, balcone ombroso
molto basso della Giulietta.

La Giulietta, richiama alla memoria l'Enrichetta,
affascinante stazione della ferrovia, nel cuore d'un monte,
come in fondo a un verziere dove mille diavoli azzurri danzino nell'aria.

Panca verde ove canta al paradiso tempestoso,
sulla chitarra, la bianca irlandese.
Poi, dalla sala da pranzo guianese, cinguettio di uccelli e di gabbie.

Finestra del duca che mi fai pensare al veleno delle lumache
e del bosso che dorme quaggiù al sole.
E poi, è troppo bello! Troppo! Taciamo.

[...]

Strada senza movimento né traffico, muta,
ogni dramma e ogni commedia, riunione d'infinite scene,
ti conosco e t'ammiro in silenzio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento