username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Augusto Orrel

in archivio dal 25 gen 2007

16 settembre 1977, Rocca

mi descrivo così:
Giornalista, poeta e critico letterario

25 gennaio 2007

Un ricordo

“Posso sorella entrare nella stanza?”
“Ma è tardi, sono stanca”.
“Ti prego, sento il buio che stasera avanza…”
“Va bene resta e siedi a quella panca”

“Domani è festa e non andremo a scuola.”
“Suonano le strade di Omignano”
“Una rondine già vola!
L’indico come un tempo con la mano”

“Ma dimmi fratello, che succede?”
“Niente, è solo un ricordo che ritorna ancora:
chiusi nella soffitta, come prede…
il terrore tra le mani, quella suora…”

“Sempre mi picchiava nel collegio
ricordo le scarpe rotte, il sacrilegio”.
“Povero piccino! È stata dura!”
“No! E’ solo che ritorna, nelle ossa, la sua cura ”.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento