username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aurelio Zucchi

in archivio dal 08 gen 2019

07 febbraio 1951, Reggio Calabria - Italia

segni particolari:
Amo definirmi uno "scrivente".
Priorità assoluta è il mare, poi viene tutto il resto.

13 gennaio alle ore 1:49

Non ditemi niente

In questo buio che fuori non esco,
che pioggia incessante lo governa,
che vento da Nord tutto ghiaccia,
inclusa luna mezza e ardita,
 
vorrò sognare come da bambino,
nascosto nella trapunta azzurra,
la pelle a spianar la buona lana,
le mani giunte a toccar la gota.
 
Il fiato, addosso alle lenzuola,
al suo ritorno m’arderà la testa
e per un po’ mi sentirò più vivo
sentendo battiti dimenticati.
 
Non ditemi niente, per cortesia,
che sono strano o chissà che cosa,
che domani è ancora martedì,
che la città bagnata non si ferma.
 
Non svegliatemi se sorriderò
a prìncipi dai colori sgargianti,
a fate coi cappelli delle fate,
a giostre che non si fermano mai.
 
E, soprattutto, state immobili
se arriverò a toccare il mare,
a mescolarlo coi ricordi miei
e a berlo fino ad ubriacarmi.
 
Vi prego, non fate altro rumore
che non sia il passo della notte,
specie quando incontrerò mia madre
per dirle che non vorrei svegliarmi.
 
 
 
 
 
*
Anno di stesura 2007
Tratta da “Appena finirà di piovere” (Global Press Italia 06/2010)
Testo pubblicato sul Mensile Il Saggio (01/2009)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento