username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Azzurra Mangani

in archivio dal 19 gen 2009

02 aprile 1986, Empoli

19 gennaio 2009

Nera Notte Bianca

Intro: Una notte che rivela verità o fantasie inquietanti: non tutti vediamo tutto a quanto pare. Ci sono persone che vedono "oltre", e sono protagonisti di racconti come questo o di una puntata di "X" Files...

Il racconto

È mattina nella mia casa al mare: riconosco chiaramente il terrazzo spoglio di acciaio, mattonelle rosse a copertura, pareti di una strana pasta color crema stantia e forata. Da lì si vede il lungo fiume, con tanto di argini, scorrere di acqua non molto putrida, pescatori e cespugli di macchia mediterranea. Dall’altra parte c’è il paese, di cui si intravedono il ponte e le prime casupole in calde tinte pastello.
Poi un’ombra.
Ma cosa…
Per un attimo sono sicura di aver visto un’ombra, proprio una macchia di colore più scuro che aveva una forma quasi perfettamente sferica. Era qualcosa di tondeggiante ed enorme: l’ho vista riflessa sulla vegetazione, sull’acqua, sull’asfalto della statale.
Un’ombra enorme grigia. Voi l’avete vista?
Sto per chiederlo a quelli che sono nel soggiorno insieme a me, intorno al tavolo quadrato e seduti sul divano con motivo floreale. Ci sono mia madre, mio padre e la nonna.
No, nonna è morta.
Nonna se ne sta placida sulla sua sedia di legno molto pesante, attenta a non scucire il cuscino verde a pois bianchi; ha la solita vestaglia da lavoro rossa, di stoffa leggera e legata sui fianchi. E, come sempre, ha le due tasche piene di fazzoletti, aghi e filo per cucire o altre cianfrusaglie che ha trovato in giro e che devono tassativamente sostare un po’ lì prima che si decida a buttarle nell’immondizia. Io non le chiedo niente e lei mi risponde niente.
Aspetta, anche mamma è morta.
Mamma se ne sta seduta accanto a mio padre ed entrambi sono incollati al teleschermo.
Non le dico nulla tanto non mi crede.
Mi trovo immobile in mezzo alla stanza. Vorrei parlare, vorrei spiegarmi, ma comincio a pensare di essere invisibile a tutti loro quanto loro potrebbero essere fittizi per me.
È come quando dico che ho visto un Ufo… nessuno ci crede.

 

Passano le ore. La pareti sono identiche, ci siamo ancora tutti quanti noi. Il grande lampadario della stanza è acceso sulla cerata verde del tavolo che ne accoglie il riflesso. I miei occhi vanno costantemente verso il paesaggio fuori dal terrazzo, dove sono sicura di aver visto e non di essermi ingannata. Poi succede. Torna quell’ombra, solo che adesso possiede un corpo, un corpo gigantesco, una massa e un peso, e non è più possibile che qualcuno possa razionalmente dire che non è vero, che sto sognando.
È enorme.
Mi volto verso il cielo stellato: siamo all’ultimo piano, oltre il soffitto c’è solo il tetto piatto e praticabile.
Cristo!
La sua rotondità è eccellente e buia: ne lascia intuire le dimensioni, ma è notturna, cupa, mi sta facendo gelare il sangue. L’unica estremità luminosa, però, è accecante.
È come un tulipano.
Non è difficile da riconoscere: c’è uno breve stelo incandescente, giallo e arancione; dopo si sviluppano l’asse fiorale, l’ovario, lo stilo e lo stimma. È in fiamme. Questo fiore maschio non è maturo, non ha petali, ma ha lo stesso colore della lava che erutta da un vulcano. È spaventosamente grande e bello, ed è sopra la mia testa.
E si muove.
Non tutto però, solo ovario, stilo e stimma. Sta partorendo. Si gonfia e si ingrossa e poi sputa fuori qualcosa. Non riesco a pensare niente che abbia un senso o sia di una qualche utilità in questa situazione. Il fiore vomita fuori dei globi luminosi, anch’essi giallognoli e incandescenti, che non registrano alcuna particolare mutazione chimica o fisica a contatto con l’aria e l’atmosfera terrestre. Semplicemente, ognuno di essi compie un certo percorso, come se possedesse un’autonomia limitata, e poi scompare nel nulla. Ne vedo uno mangiato dal fiume senza alcuna pretesa, senza nemmeno il sibilo e il fumo che farebbe una meteora se cadesse in mare. Tutto questo non mi preoccupa finché non mi accorgo che i globi caldi stanno provando ad entrare in casa mia.
Cazzo.
Non hanno trovato resistenza con i vetri aperti. Uno l’ho perso di vista vicino al divano. Qua dentro sono ancora tutti immobili. Alla nonna e ai miei questi problemi esistenziali e di sopravvivenza non interessano proprio.
Forse perché sono morti? No! Papà è vivo. Almeno lui dovrebbe provare a scappare.
È troppo spaventoso, io non resisto. Ho già fatto la spettatrice troppo a lungo.
Le chiavi della macchina! Prendi le chiavi della macchina e scappa.
Non ricordo bene se le ho prese, se ho trovato il moschettone e la maledetta chiave a scatto della mia auto. So che mi hanno fatto spazientire, e quindi me ne sono andata via rumorosamente sbattendo la porta e poi giù sul pianerottolo attraverso le scale. Non ho acceso la luce. I globi che riempiono l’aria sono in numero maggiore, ci pensano loro a far luce. Magari sono innocui. Eppure io sono in preda al terrore, ci tengo alla mia stupida inutile vita, e quindi scappo. Loro possono anche rimanere, io vado. A questo punto è una questione di principio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento