username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 19 gen 2018

Beniamino Gatto

01 agosto 1943, Aversa - Italia
Segni particolari: ​Sono un cultore di S. Di Giacomo, F. Russo, Eduardo e Totò.
Mi descrivo così: Sono campano pensionato ex bancario/consulente finanziario, appassionato di musica classica e dell'arte in genere napoletana.
Ho iniziato a scrivere poesie in vernacolo negli anni ottanta e solo recentemente mi sto cimentando in volgare.
 

elementi per pagina
  • 09 aprile 2018 alle ore 13:29
    Ll'umiliazione

    E’ nu saluto senza na risposta,
    na stesa ‘e mano senza na stregnuta;
    è nu sfuttò a lacreme  e surore,
    nu sicco no a na dumanda ‘e ammore.
     
    Ma comme è triste sto mumento e amaro,
    capita a tutti dint’ ‘a vita nosta,
    eppure  ‘nce scurdammo da lezione
    e damme a ll’ate chesta umiliazione.
     
    BEGA 07/01/94 
     

     
  • 09 aprile 2018 alle ore 13:24
    E' caduta 'na stella

    Carene sempe ‘e stelle,
    manco ce ne accurgimme.
    Avvote,
    guardanne ‘o cielo blu
    ‘a maraviglia ‘nce coglie
    e ‘ a scia lucente
    ‘nce porta a mille desideri.
     
    Sotto ‘o sole ‘e primmavera
    è caduta na Stella,
    che ha tuccato terra,
    lassanno n’ombra rossa
    e i core nuoste
    a piezze p’ ‘o dulore.

    I desideri
    sotto all’ombra rossa
    so’ fernute;
    sulo ‘o ricordo resta
    e ogni tanto
    nu penziero ‘e ammore.
     
    BEGA 3 maggio 1994
     
    In ricordo del campione brasiliano di FORMULA UNO, AYRTON SENNA, morto tragicamente sul circuito di Imola il 1° maggio 1994
     

     
  • 09 aprile 2018 alle ore 13:20
    'O Sulitario

    E’ sempe stata
    na passione travolgente
    ‘a partitella.
    Nun m’è mai mancata
    e assieme ‘a chiù bella cumpagnia
    ‘e notte sane
    so passate ‘a ghiuorne,
    ca voglia pazza
    ‘e fa turnà ‘a nuttata.
     
    Ho tiempo pò è vulato.
    C’ ‘o ll’anne
    sta passione s’è ammusciata
    e dormo notte e ghiuorne,
    sunnanne ‘e partetelle d’‘o passato.
    Me vene quacche vota ‘o desiderio
    ‘e fà nu sulitario
    ma po ‘nce penso:
    - si manc’ isso me riesce
    ’nce rummanco comm’ ‘e fesso -.
     
     
    BEGA 09/06/95 
     
     
     

     
  • 09 aprile 2018 alle ore 13:13
    L'attore

    Dint’ ‘o chirchio assai allummato
    justo  ‘miezzo ‘o palcoscenico,
    con ardore e sentimento
    dai il meglio di te stesso.
     
    Ti cimenti, ti trasformi,
    mo sorridi, mo t’arragge;
    quacche vote t’addenucchie
    ate vote tu ti esalti.
     
    Ti commuovi pe’ fà chiagnere,
    fai na smorfia pe’ fà ridere,
    ogni pausa n’applauso
    e sotto ‘e baffi t’arrecrie.
     
    Tu si ‘o masto d’ ‘o spettacolo,
    si nu grande tiatrante;
    hai successo d’ogni sorta,
    si richiesto ed apprezzato.
     
    Ma!!!....
     
    Si tu scinne ‘a ll’oco ‘ncoppa,
    pe’ piacere, nun fà ‘o fesso.
    Cà nun stamme chiù ‘o tiatro,
    nun c’è chiù ‘o palcuscenico.
     
    Chesta è tutta nata storia.
    Qua si ride si pazzie.
    Si fai ‘o fesso o l’incosciente,
    cà se chiagne overamente.
     
     
     
    BEGA 09/10/2003
     
     
     

     
  • 09 aprile 2018 alle ore 10:26
    Gratis

    ‘A vita mia non m’é mai stata amica.
    ‘Ncoppa ‘a sta seggia tutte ll’ore meie sò passate
    pensanne e ripensanne chi sò stato,
    che m’aspetta, che mai vurria e sarà.
     
    ‘A troppo tiempo aspetto na carezza,
    nu poco ‘è sentimento scanusciuto,
    ca  pozzo sentì dinto assai sincero
    ma che mai nisciuno m’ha saputo dà.
     
    Aiere me sò ditto: basta!
    E p’‘o viale scuro songo juto.
    E proprio ‘mponta a tutto chello scuro
    na lengua ‘e fuoco aggio visto ‘e lampeggià.
     
    Tremmanne e c’‘o ll’uocchie tutte ‘nvuse
    aggio allungato ‘a mano cercanno cumpagnia.
    Ma dinto ‘o scuro na carezza aggio sentuto
    e po’... chello che nun me scurdarraggio chiù.
     
    Turnanno ‘n terra, ma c’‘o core ancora ‘ncielo,
    avrie vuluto subeto puté saldà sto cunto,
    ma pur’ Essa c’‘o ll’uocchie chine e lacrime
    m’ha ditto: -No! T’accumpagno e cà nun torno chiù -.
     
    BEGA, luglio 2005
     
     

     
  • 19 gennaio 2018 alle ore 18:38
    Il bocciolo

    In settembre sbocciò un fiore.
    L’aria profumò intensamente.
    Il mare raccolse l’ebrezza
    e inondò gli oceani.
    Nei boschi sui monti
    si scossero gli alberi.
    Il vento odoroso
    traversò l’universo.
    L’alba sorrise,
    il sole raggiò,
    il tramonto arrossì,
    la luna brillò.
    Presente all’evento,
    raccolsi l’omaggio.
    Festoso e giulivo
    intonai un canto a gran voce
    e trasmisi estasiato
    il venuto.
    Non ero più io,
    non ero nessuno.
    L’anima mia
    non era più mia.
    Era la Sua.