username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Beniamino Gatto

in archivio dal 19 gen 2018

01 agosto 1943, Aversa - Italia

segni particolari:
​Sono un cultore di S. Di Giacomo, F. Russo, Eduardo e Totò.

mi descrivo così:
Sono campano pensionato ex bancario/consulente finanziario, appassionato di musica classica e dell'arte in genere napoletana.
Ho iniziato a scrivere poesie in vernacolo negli anni ottanta e solo recentemente mi sto cimentando in volgare.
 

09 aprile 2018 alle ore 10:26

Gratis

‘A vita mia non m’é mai stata amica.
‘Ncoppa ‘a sta seggia tutte ll’ore meie sò passate
pensanne e ripensanne chi sò stato,
che m’aspetta, che mai vurria e sarà.
 
‘A troppo tiempo aspetto na carezza,
nu poco ‘è sentimento scanusciuto,
ca  pozzo sentì dinto assai sincero
ma che mai nisciuno m’ha saputo dà.
 
Aiere me sò ditto: basta!
E p’‘o viale scuro songo juto.
E proprio ‘mponta a tutto chello scuro
na lengua ‘e fuoco aggio visto ‘e lampeggià.
 
Tremmanne e c’‘o ll’uocchie tutte ‘nvuse
aggio allungato ‘a mano cercanno cumpagnia.
Ma dinto ‘o scuro na carezza aggio sentuto
e po’... chello che nun me scurdarraggio chiù.
 
Turnanno ‘n terra, ma c’‘o core ancora ‘ncielo,
avrie vuluto subeto puté saldà sto cunto,
ma pur’ Essa c’‘o ll’uocchie chine e lacrime
m’ha ditto: -No! T’accumpagno e cà nun torno chiù -.
 
BEGA, luglio 2005
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento