username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Beniamino Gatto

in archivio dal 19 gen 2018

01 agosto 1943, Aversa - Italia

segni particolari:
​Sono un cultore di S. Di Giacomo, F. Russo, Eduardo e Totò.

mi descrivo così:
Sono campano pensionato ex bancario/consulente finanziario, appassionato di musica classica e dell'arte in genere napoletana.
Ho iniziato a scrivere poesie in vernacolo negli anni ottanta e solo recentemente mi sto cimentando in volgare.
 

19 gennaio 2018 alle ore 18:38

Il bocciolo

In settembre sbocciò un fiore.
L’aria profumò intensamente.
Il mare raccolse l’ebrezza
e inondò gli oceani.
Nei boschi sui monti
si scossero gli alberi.
Il vento odoroso
traversò l’universo.
L’alba sorrise,
il sole raggiò,
il tramonto arrossì,
la luna brillò.
Presente all’evento,
raccolsi l’omaggio.
Festoso e giulivo
intonai un canto a gran voce
e trasmisi estasiato
il venuto.
Non ero più io,
non ero nessuno.
L’anima mia
non era più mia.
Era la Sua.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento