username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 10 gen 2009

Carlo Di Carlo

18 gennaio 1977, Roma
Segni particolari: Artista
Mi descrivo così: Viaggiatore di sogni e sognatore di viaggi... Scrivo per passione.

elementi per pagina
  • 19 febbraio alle ore 16:55
    L’unico assente

    Quando morirò
    Non salirò più queste scale
    E non scenderò più al fondo del mare

    Dentro di me rimarrà il vuoto
    Un involucro di carne ed ossa
    Senza più anima a comandare il corpo

    Lentamente si spegnerà l’Io
    Affievolendone la presenza
    In tutto ciò che poi diverrà assenza 

    La mancanza dell’essere 
    Che non può più poter essere

    Quando morirò 
    Non metterò più avanti i miei pensieri
    E non troverò più conforto in coloro che ho al mio fianco

    Senza più muovere un dito
    Neanche un passo a poter fare
    Scomparirà tutta la mia essenza
    Tutto ciò che poi diventerà presenza

    Del mancare al Mondo
    Senza essere più Io
    Dentro cesserà il rancore
    Si fermerà li il mio cuore

    Un battito nullo
    Dentro me come un tuono
    Senza mai più frastuono 

    Pace e silenzio
    Quando morirò 
    Sentirò attorno a me

    La mancanza dell’Io
    Dentro e fuori 
    Dal mio Io
    Renderanno più docile
    Il passato non facile

    Incideranno il futuro
    Senza abbatterne il muro 
    Come tomba il suo suono
    Del mio Io solo il buono

    Rimarrà prepotente
    Sulla gente rimasta 
    Sul ricordo presente
    Di me unico e solo
    grande assente.

     
  • 01 febbraio alle ore 21:32
    Gelato

    Come neve imbiancate colline
    Rimesse lontane
    Mai più vicine

    Cercati distanti ritrovi
    Nel mondo quel limite
    Come fredde mattine

    Gela il momento
    Del grande tormento
    Riprende per mano
    L’oscuro villano

    Cammina sentieri
    Dei molti misteri
    Accompagna la mente
    Di quel mondo esistente

    Laddove rimane cosciente
     il vero presente
    Restringe il pensiero
    Ovunque, davvero

    Ricordi gelati
    Rimasti incollati
    Dentro la mente
    Nel cuore potente

    Rimane così 
    Fermo impotente
    Cercando ragione
    Tra il cuore 
    E la mente.

     
  • 15 gennaio alle ore 12:28
    No fear

    Sleep where there is no fear
    Keep all there is to hear
    When silences are storms
    And rumours are stones
    Crashing against your mind
    Destroying everything is there to find
    Believe none that is not near
    When to the heart it is so clear
    The senses do not hide
    What you feel shall be your pride
    Heightened moments
    Remembered times
    Where all is left
    Is those lonely chimes
    Shedding tears
    Are your sole spear
    To combat the fear
    Where you can’t hear
    See it through
    And you’ll be near
    All there is for you to clear
    In your head like your soul
    The heart tries hard
    To keep it real
    That thought you had
    Is always dear
    No one else will be so near
    Where only you 
    Can feel the tear
    All that fear can no longer hear
    The heart can’t fear
    What it can’t be near. 

    Carlo

     
  • 06 gennaio alle ore 21:50
    Ci sei

    Ci sei

    Quando sai

    Cosa sei

    Quando vai
    Cosa sai
    Quando sei
    Dove vai
    Quando sai
    Dimmi tu
    Cosa fai
    Quando sai
    Cosa dai
    Quando vai
    Con chi sei
    Quando sai
    Con chi vai
    Quando sei
    E se sai 
    Cosa sei
    Come fai
    Quando stai
    Dove vai
    E come fai
    Quando sai
    Dove stai
    E quando stai
    Dove stai
    Come sei
    Dove sei
    Sempre sai
    Cosa sai
    Mentre vai
    Dove vai.

     
  • 01 gennaio alle ore 10:11
    In my head

    In my mind
    In my head
    This is where 
    It all begun
    Where it All will end
    In my heart
    In my hand
    This is where
    It will all end
    Where it all has begun
    Forgiven thoughts
    Forgotten fights
    In my mind
    In my head
    Where the nights fall
    Where the days end
    In my heart
    In my hand
    This is where
    I stand
    Where It all will mend
    Someday
    Sometimes
    In my mind
    In my head
    This is where
    I will no longer mind
    Where it will go to bed
    In my heart
    In my hand
    Where it will all 
    come to an end 
    In my mind
    In my head
    This is where
    I will no longer be
    Where I have been
    Where I have gone
    In my heart
    In my hand
    It will all go away
    When I will be
    In a very deep sleep
    Where I can’t see
    Where I won’t be.

    Carlo

     
  • 01 gennaio alle ore 9:58
    Sogno o son desto?

    Io ti sogno
    E non te ne vai
    Sei felice
    Come stai?

    Sereno e sorridente
    Dentro ai sogni
    Tu mi appari

    Dimmi un po’
    Lì di certo 
    Non ti ammali

    Come vanno lì
    Le cose
    Sempre rosse
    Son le rose?

    Ti sento qui 
    Sempre al mio fianco
    Quindi anch’io
    Un po’ ti manco

    Poco tempo è sai passato

    Ogni giorno 
    A camminare
    Per ore ed ore ad incontrare
    Quel pensiero lì invadente

    Mi ricorda sempre dentro 
    Nella mente
    Quei momenti già passati
    Dentro al cuore son tornati

    Dimmi un po’
    Tu che lo sai
    Ma il dolore passa mai?

    Questo lamento 
    Che sento sempre dentro
    Non sbaglia mai
    Fa sempre centro.

     
  • 01 gennaio alle ore 9:56
    La Fine

    Senti ner core sta pesantezza dell’animo

    Manca nei sorrisi 

    Si perde negli avvisi

    Di chi c’è passato

    Di chi non c’è ancora arrivato

    Fatte forza

    Daje coraggio 

    Dicono tutti

    Ma in fondo rimane a Noi

    Il vuoto ormai lasciato

    Che sempre e comunque 

    Ci ricorderà ciò che è stato

    Quel grande passato

    Forza coraggio

    Andate avanti

    Dicono tutti quanti 

    Come però nessuno sa dire

    È arrivato sto Natale

    E quasi è finito 

    St’anno micidiale

    Daje coraggio

    Andate avanti

    Tutti quanti 

    Dicono gli altri

    Ma si dice così tanto per dire

    Siamo tutti qua

    Vicini vicini 

    Pensando a Papà

    Che ce manca dentro ar core

    Manco tutto er nostro amore

    Addolcisce sto rancore

    Vabbè noi ce pensamo

    Sempre e comunque

    Come e dovunque

    Noi sempre t’amiamo

    Dentro al cuore

    Ovunque noi siamo.

    Carlo

     

     
  • 01 gennaio alle ore 9:55
    L’Intero

    Era uno intero

    Andava come un treno

    Certo fermava in stazione 

    Ma trovava sempre la ragione

    Ora è uno solamente

    Non va più come un treno

    Fragile ed esile

    Sui suoi binari

    Fermo all’ultima stazione

    Dove era uno intero

    Rimane così lento

    Quel suo grande lamento

    Dentro lo sente

    Dentro non mente

    Uno solo è rimasto

    Uno intero sarebbe più giusto

    È andato così il suo lamento 

    Svanito li sotto

    Dentro al cemento

    Rimane così dentro alla mente

    Nel cuore non mente

    Il dolore che sente.

     
  • 14 marzo 2018 alle ore 7:43

    Quando ti sei lasciato andare
    non ti ho potuto prendere
    Quando mi lascerò andare
    mi prenderai tu?
    Quando hai perduto la presa
    non ho potuto tenerti
    quando lascerò io la presa
    mi terrai tu?
    Quando hai sofferto il dolore
    non ho potuto aiutarti
    quando sentirò io il dolore
    mi darai conforto?
    Tutti i miei pensieri
    tutta la mia forza
    tornano a quel momento
    tornano a quella notte
    se solo Io avessi potuto
    se solo io avessi fatto
    forse tu avresti potuto
    forse tu avresti fatto
    Se strillassi più forte
    mi sentiresti?
    Se piangessi più forte
    vedresti le mie lacrime?
    Quando arriverà quel giorno
    mi aspetterai?
    Quando il tuo cuore si è fermato
    il mio dolore è iniziato
    quando il mio cuore si fermerà
    forse guarirà?
    sotto le tue ali
    non mi sentirò perduto
    attraverso la tua luce
    troverò la strada.
     

     
  • 14 marzo 2018 alle ore 7:42

    Scusate tanto miei signori

    Se ve faccio male ai cori

    De sti tempi so ‘n pó strano 

    Me sento popo er core’n mano

    Si lo tiro lo ripijo

    Quanno è tutto un granne straccio

    E poi moo tengo tutto ‘n braccio

    Tanto dentro nun ce torna

    Sta de fori e se frastorna

    Me ne dice assai de cose

    Ma tutte quante dolorose

    Se stà a destra va de lato 

    Poi se ferma tutto gelato

    Come sai quell’orologi

    Che tremano sempre ai grandi elogi

    Nun lo sentono quer tono

    Tutt’intorno ‘n gran frastuono

    Ve lo dico senza ‘mbarazzo

    Ce sto quasi a uscì de pazzo

    Chi lo dice

    Chi lo sente

    Chi invece quasi mente

    Ce sta sempre tanta gente

    Cerco solo un grande luogo

    Dove posso emette er tono

    Der dolore che oggi sono

    Dentro sotto la mia pelle

    Me fa popo vedè e stelle

    Che ve dico 

    Che ve racconto 

    Oggi m’ha corpito

    Quer gran tramonto

    Come poi fa ‘n po’ la vita

    Anche co ‘na gran fatica

    Vorrei tanto avè i colori

    Pe coloravvè tutti i cori

    Scusate tanto pe sta serata

    Se sente popo tutt’acciaccata

    Come ‘n vecchio de cent’anni

    Se sente tutti li malanni

    solo er tempo

    Quello strano 

    Ce potrebbe da na mano

    Senti ‘n po’

    Se te lo dice

    A me no nun me lo dice.

     
  • 29 settembre 2011 alle ore 21:55
    distanti assenti

    quanta commozione
    con le lacrime agli occhi
    mi scrivi mi parli
    mi senti mi guardi

    momenti difficili
    a cercare conforto
    la mano sul cuore
    quella di un morto

    un volto un sorriso
    andato da tempo
    un viso un abbraccio
    rimasto nel tempo

    con me sei sempre
    nella mente nel cuore
    come sempre l'amore

    che avevo per te
    che provavi per me

    anche distanti
    siamo presenti
    l'uno nell'altra
    anche se assenti

     
  • 26 settembre 2011 alle ore 15:29
    Molte volte

    tante volte
    quante volte
    sempre insieme
    altre volte
    ad udire
    a sentire
    molte volte
    tante volte
    per aprire
    poi fiorire
    quante volte
    altre volte
    per sentire
    e poi riaprire
    sempre insieme
    quante volte
    molte volte
    a baciare
    e poi riunire
    tante volte
    sempre molte
    ad abbracciare
    e poi ad amare
    in un attimo
    le volte
    sempre molte
    tante volte
    a credere
    e a volere
    sempre insieme
    per volare
    molte volte
    quante volte
    poi per mano
    sempre insieme
    piu vicini
    a sussurrare
    tante volte
    quante volte
    a sentire
    e poi parlare
    molte volte
    sempre molte
    ad udire
    e poi baciare.

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:38
    Lacune Mancate

    Alla vita che ci attende
    Al pensiero che ci offende
    Di passaggio nelle insegne
    Di riflesso mai son degne
    È grande il suo miraggio
    Nell'istante come un Saggio
    Ad elargir consigli alcuni
    A fornir a loro fonti
    A cavallo sempre al trotto
    Lungo le strade
    Sotto a ponti
    Di corsa andiamo
    Questo Il nostro motto
    A perder candele
    A raccoglier sorprese
    In alcune mancate distese
    In lacune perse mai prese...

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:38
    Mietitura

    Nei grandi momenti
    di storie e di tormenti
    nascono gli ardori
    rinascono gli amori
    per un passato invisibile
    per un futuro impossibile
    il presente viviamo
    nel modo in cui ci ritroviamo
    dopo pianti e sorrisi
    dopo lamenti improvvisi
    mietono le cure
    fioriscono insicure
    le reazioni alla gente
    improvvise della mente
    in mano come un sasso
    nel palmo solo un masso
    a ferire...

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:37
    Inverni

    Come agli occhi
    Cosi al cuore
    Inverni bui
    Grigi cementi
    Sbattuti a terra
    Perduti in strada
    Ricordi come neve
    Ad imbiancare
    Il gelido presente
    Tutto sembra immobile
    Ogni piccola fronda
    A ghiacciare le foglie
    Come su alberi
    Rami secchi
    A perdere riparo
    Nell'inverno
    che c'è Intorno
    Nel gelido tormento
    Che Ritorna ogni qual volta
    A fermare il tempo
    Come battito del cuore
    A gelare dentro
    Come un corpo
    una gran mente

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:36
    Solo tu

    Sfugge alla memoria
    Il tempo tuo d'un tempo
    Alla volta delle risa
    Come sempre tra le dita
    Un gioco un arcano
    A passar di mano in mano
    Riflessi come mari
    Ad illuminare assai
    I dolori come mai
    Vedi rimbomba
    Come un'eco
    Da dentro arriva cieco
    Come un sordo lamento
    Come ghiaccio e cemento
    A bloccar le risa altrui
    A mascherar i dolori poi
    Lo senti solo tu
    Quel lamento poi mai più

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:36
    Daniele (2)

    Sui tuoi passi
    E nel tuo cammino
    Mano a mano
    Corri bambino
    Sempre avanti
    Il progresso che fai
    Dal sorriso offri la vita
    A chi intorno
    Ti tende le dita
    In braccio rallegri l'umore
    Di Mamma e Papà
    Sei gioia e calore
    Di cose ne impari ogni giorno
    Sempre più da chi ti sta intorno
    Del Nonno e la Nonna
    Sei il grande orgoglio
    A te Daniele tanto bene ti voglio
    Degli zii sei l'amore
    Davanti agli occhi
    Dentro al nostro cuore.

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:36
    Mostri infernali

    D'impeto improvviso
    Piangono i tuoi occhi
    Lacrime di rabbia
    A celare quei tocchi
    Nascosti in regali
    Rifiutati mai accettati
    A non capirne motivo
    Giochi anormali
    I mostri infernali
    Richiedono attenzioni
    Scappa piccolo
    Finche sei in tempo
    Parla con tutti
    Rivela quei tocchi
    A smettere il dolore
    Che tieni nel cuore.

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:35
    Ultimo proiettile

    Violentami la mente
    Come sempre ormai
    Con quei tuoi gesti
    Con quei tormenti
    Di ogni giorno
    Qui dentro casa
    Tra le mura della prigione
    Che intorno a me
    Hai creato
    Mattone dopo mattone
    Parola dopo parola
    Ogni azione ad aggiungere
    Ogni gesto ad illudere
    Che tutto possa cambiare
    Che tutto possa andare
    Dove credevo
    Come volevo
    E a te dicevo
    Nel raccontarmi
    Hai copiato
    Nel parlarti
    Hai tramato
    Sempre più giù
    Nel profondo a scendere
    A lasciarmi li coi pensieri
    A perdermi li dentro
    La violenza
    Li dentro l'incompetenza
    Di un volto tradito
    Di una macchia ferita
    Sanguina dentro al cuore
    Rimargina sopra l'amore
    Un giorno mai più
    Un attimo e sempre di più
    Vattene scompari
    Dai sogni
    Dai tormenti
    A scindere momenti
    A perdere violenti
    Negli attimi ad armi pari
    Nei proiettili che ora non spari.

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:35
    Dentro

    E se poi gli inverni che hai nel Cuore
    Anziché appassire di volta in volta tornassero a fiorire come un tempo l'amore?

    Margherite di petali a contare
    Quel m'ama non m'ama
    Sempre a sperare in un ultimo abbraccio Un ultimo petalo a confermare tutto
    L'amore che hai dentro

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:34
    Magneti

    Pallini di piombo
    Oltrepassano le mura
    Dopo spari acuti
    Quasi impercettibili
    Al tatto alla vista
    Attratti come ferro
    Ai magneti
    Verso la parte distante
    Che comunque ci appartiene
    Campo elettromagnetico
    A generare strani disegni
    Sul foglio accartocciato
    Nei pensieri che abbiamo dentro
    Nei ricordi che teniamo al centro
    Come barlume di speranza
    Che quel colpo non ha ucciso
    Ma solamente allontanato
    Dalle orecchie i suoni
    Quei rintocchi che percorrevano
    Lungo il tracciato
    Verso l'immobile oscurità
    Lasciata dietro al buio
    A rintanarsi dentro
    Di nuovo al centro
    Riascoltandone il rumore
    Riflettendone il candore

    Silenzio

    E si ritorna al cuore.

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:34
    Oh Oh

    Oh oh la luce s'accende
    Cosi improvvisamente
    Ove prima non vedevi
    Ove prima non sentivi

    Oh oh la luce è accesa
    Ove prima non udivi
    Ove prima non percepivi

    Oh oh il buio s'è spento
    Ove ora inizi a vedere
    Ove ora inizi a sentire
    Di nascosto prima
    Alla luce poi

    Parole distinte
    Cacofoniche nell'udire
    Stereofoniche nel percepire

    Sai chi sono
    Sai chi loro
    Erano li
    Rimangono si
    Come silenzi sfuocati
    Come polveri bruciati
    Presenze ormai assenti
    Vane mai presenti

    Di quando hai lottato
    Di quando hai isolato
    I sentimenti per loro
    Solo un gioco

    Per te un grande fuoco
    Che arde ancora dentro

    Oh oh per te non per loro
    Presente dentro
    Assente fuori

    Oh oh rimangono con te
    Ove prima non perivi
    Ove prima non morivi
    Del cuore la passione
    A legar tutti del tuo amore

    Di quando sei stato
    Di quando sei andato
    Di quando hai portato

    Oh oh.

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:33
    Tra le note

    Intensamente parlando
    Svogliatamente ritrovando
    Acuti intensi
    A far vibrar le note
    Sequenze distorte
    Pentagrammi assai nitidi
    A leggere musica
    A creare rumori
    Nei silenzi interrotti
    Nei profondi strumenti a fiato
    Come dita sfioran la tastiera

    Nell'aria magica melodia
    Allegramente librando
    Tristemente morendo
    Tra i tasti come mura
    Grandi pause e poi la cura
    Risale con le dita
    Su su fino a chi l'ha udita
    A spezzarsi come lance
    Su terreni soli mai colti
    Come stanze smarrite
    Ritrovate nei vuoti della mente

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:32
    dietro un'ombra

    dopo quanto tempo si smette di leggere quelle lettere
    e si capisce cosa si intendeva comunicare?

    dopo quanto tempo ci si smette di domandare
    se la verità che conosciamo non sia forse una mancata bugia?

    riga dopo riga pagina dopo pagina
    si continua a cercare si continua a ritrovare

    un nuovo significato una nuova sfumatura

    rileggendo quelle pagine quante volte hai sognato
    quante volte hai immaginato?

    di poter tornare indietro di poter riandare avanti
    dal passato al futuro
    quante volte ti sei domandato
    quante volte ti sei circondato?

    da dolori che non avevi più
    da amori che non credevi più

    qui vicino qui lontano
    in una stretta dentro al cuore

    dopo quanto tempo hai creduto di cambiare
    dopo quanto tempo hai vissuto per cambiare?

    dimmi quando ci si ferma
    quando ci si sente protetti di nuovo
    nel bagliore della vita
    nel costume di una maschera
    dietro la cui ombra riflettiamo noi stessi?

    lo sai tu
    lo so io

    giorni mesi anni
    ad aspettare
    a correre
    a tornare

    sui pensieri
    sugli amori

    che una volta ero io
    che una volta eri tu.

     
  • 22 settembre 2011 alle ore 8:32
    In mezzo al mare

    Ti cercherò lontano dalle rive
    Su navi in mezzo al mare

    Nel mentre di un'onda
    Nel centro di una via

    A ricercare i tuoi occhi
    A ritrovare la mia

    Ispirazione a vivere
    Battito del cuore
    Come gioielli incastonati
    riflessi di luce abbagliati

    Ti cercherò lontano dalle rive
    Su navi in mezzo al mare

    Nel sogno di una notte
    Nel centro di una via

    A riprendermi per mano
    Come da tempo la tua

    Mano nella mano
    Sopra dentro al cuore

    Ti cercherò lontano dalle rive
    Su navi in mezzo al mare

    A frangere i suoi flutti
    A lasciar le proprie scie

    A Seguirti in mezzo al mare
    Come cullati a sussurrare

    Ti cercherò lontano dalle rive
    Su navi in mezzo al mare

    Su navi in mezzo al mare