username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

06 maggio 2012 alle ore 10:36

Io,Cesare Moceo

La realtà della vita non è
paragonabile all'illusione di un sogno!
Per questo cerco di esser sempre chiaro,
e,quando non riesco ad esserlo,
non capisco se sono gli altri a non voler sentire.
Eppure l' esperienza
dovrebbe essere maestra di vita!
Mi si può dire che
la stessa cosa vale anche per me,
ma sono convinto che in una disputa,
chi non è mediatore di pace
è simile a chi scatena la guerra!
E allora mi ritrovo a chiedermi:-
Cosa cosa ho fatto da quando sono nato?
La risposta
la ritrovo nella mia pace interiore
e non mi pesa il tempo che passa,
anche se grida di delusione
echeggiano dentro l'anima
e si annidano
tra le crepe del mio cuore
indurito dalle vicissitudini
che ho dovuto sopportare,
nell'assurda solitudine
in cui mi sembra di piombare.
Di sicuro
non sono nato per cercar vendette,
ma credo
in quella frase che recita:-
Non ti curar di loro
ma siediti
in riva al fiume e aspetta
il suo cadavere che passa
e continuare
a esser come sono,
convinto di non aver,
mai e poi mai,
fatto qualcosa che potesse
assomigliare ad un tradimento.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento