username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

12 gennaio 2013 alle ore 23:06

La sconfitta della morte

Con la dolcezza dei miei versi
guido il mio destino
in questo cosmo frivolo

e accetto i pensieri nella realtà
che sta tracciando la mia via

in questa terra puttàna
dove la miseria è sovrana

Profondo è il senso
di questo mio camminare

e in questa strada troverò il mio ritorno

E tu Morte

che incuti terrore tra i vivi
e li avvolgi negli eterni sonni

Tu che trovi il tuo vigore tra le guerre
i veleni e le malattie

e in queste t'innamori
fino all'estremo sposalizio

Tu che conservi le ossa
e liberi l'anima

ombra perenne di tutti i tramonti

che attraversi le porte
quando sono chiuse

e ti accomodi all'improvviso
anche quando nessun t'invita

non essere troppo sicura di te

con me non avrai dominio
.
cesaremoceo(c)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento