username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

23 aprile 2012 alle ore 13:14

Migranti

La mano tesa
per un pezzo di pane,
un pianto silente
s'intravede negli occhi
lo sguardo assente
di mute domande,
senza risposta,
lacrime di rabbia
solcan le gote,
sotto una pioggia
incessante di ricordi
e desideri futuri,
ancorati a questa terra, 
legati dalle
miserie umane,
senza colpa,
per la scelta imposta
dall'odio assassino
a ricamar
gioie immaginarie,
assordanti nei silenzi
pieni di sentimenti
senza emozioni.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento