username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

23 gennaio alle ore 14:14

Quante notti attraverseremo per dominare i nostri desideri?

E adesso sei fra desiderate spine nutrendoti di gocce di purpureo sangue là incatenato non più schiavo della tua carne Mi violento la mente ad ammettere il mezzo gaudio del mal comune nel meravigliarmi di quanta intelligenza ci può essere nella volontà dell'uomo M'accorgo già in me quanto la sofferenza quella vera non cerchi compagnia ma vuole rimanere chiusa in sè nella sua solitudine lontano da occhi e orecchi indiscreti Tutti possiamo dipingere a nostro piacimento e per ambizione il quadro di un romanzo inventando linee e forme senza talento raccolte tra i rifiuti della vita ma poi quando guardano bene il proprio "capolavoro" si vedono i colori fondersi sbavando dalla cornice e l'idea pensata o le parole dette si svuotano senza esser mai state Ora viaggiatore sei a me più caro nei ricordi di fiele e di tormento avvolto nel buio della notte non legato più alla catena che il desio rivalse trovare nella tua più sofferta idea. . Cesare Moceo poeta di Cefalù Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento