username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

14 novembre 2012 alle ore 7:53

Virtù

Vissuta sempre
amando il mondo,
in mezzo ai tuoi simili,
solitaria
ed estranea ad essi,
affascinata soltanto
dal tuo austero passato
e dagli occhi teneri
delle tue figlie,
ad incendiare
la tua angoscia,
finchè
vengono placati
i tuoi gemiti,
nessuno
crede alla tua gioia,
inchiodata
dalle tue parole,
flagellata
dalle tue azioni.
I giorni,
per te,son cieli chiusi,
le notti,
paradisi di orge di ricordi.
E quando
rispunta l'alba
e il sole incalza
il nuovo giorno,
lucide veglie tu ritrovi
e in te
riemerge sempre
il segno dell'amore.

cesaremoceo

Commenti
  • Cesare Moceo Questa poesia è dedicata a mia moglie,donna dagli austeri costumi e dall' educazione rigorosa,virtù per le quali mi sono innamorato.

    14 novembre 2012 alle ore 8:13


Accedi o registrati per lasciare un commento