username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Chiara Nigra

in archivio dal 11 mar 2008

17 gennaio 2008, Sassocorvaro

mi descrivo così:
Viaggiare, perdere paesi... essere altro costantemente perché l'anima non abbia radici... andare avanti... inseguire l'assenza di avere un fine e dell'ansia di raggiungerlo...

26 marzo 2008

Gas se n'è andato

E l’Equatore chiede caffè occidentali.
Lei accende la sua sigaretta
e ascolta annoiata la vita.
Poi butta uno sguardo
E non si chiede il perché.
Esistenze come format,
capelli ricci occhiali neri.
La gioventù consuma sguardi
ritarda pensieri
Il mutuo del Futuro!
L’incoscienza del Passato!
E tavoli arroccati su pavimenti assolati,
i portacenere rimangono in silenzio
mentre le gambe si incamminano lontane.
Quando ascoltare le pulsioni di oggi?
Il barista palestrato porta via i suoi bicchieri.
Io il mio cuore stanco.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento