username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cosimo Piediscalzi

in archivio dal 12 mag 2008

15 agosto 1978, Palermo

mi descrivo così:
Cammino all'indietro andando avanti.

12 maggio 2008

Il naso magari

Sarebbe fattibile, dico io, bullonarti il naso, magari aprirti a voliera sette metri o due palmi di quella cosa; scaricare magari una risata, comiziare una cosa, fare una potatura di quei capelli. Ma la macchinazione come l'aratura non sono materie preferibili - bloccare e blocchi per una pagina, né bianchi tumorali che preferisco - pertanto farsi balcone, farsi aerostato, farsi vento come pane e rettificare la linea obliqua di quel camposanto che tu chiami naso, ma anche dell'altro - che io qui non affermo - perché saremo motorini d'acciaio, o cose che cadono tra Corleone, Foggia e perchennò anche Matera.


E tu sai cosa vuol dire. Che io non lo so. "Che i tubi, tutti i tubi, o sono da 12 o non lo sono". E censimenti opportuni a poi.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento