username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Costantino Kavafis

in archivio dal 19 apr 2007

1863, Alessandria d'Egitto

1933, Alessandria d'Egitto

segni particolari:
Mi dedicai molto a ridare vita alla letteratura greca sia in patria che all'estero. Le mie poesie erano solitamente concise, ma riportano molto bene rappresentazioni della realtà o delle società e degli individui letterari che ebbero un ruolo nella cultura greca.

mi descrivo così:
Fui un poeta greco, tra le più importanti figure letterarie del XX secolo, sebbene sia poco conosciuto in Italia.

19 aprile 2007

Candele

Stanno i giorni futuri innanzi a noi
come una fila di candele accese,
dorate, calde e vivide.

Restano indietro i giorni del passato,
penosa riga di candele spente:
le più vicine danno fumo ancora,
fredde, disfatte, e storte.

Non le voglio vedere: m'accora il loro aspetto,
la memoria m'accora il loro antico lume.
E guardo avanti le candele accese.

Non mi voglio voltare, ch'io non scorga, in un brivido,
come s'allunga presto la tenebrosa riga,
come crescono presto le mie candele spente.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento