username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Daniela Gagliardi

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Daniela Gagliardi

  • 24 agosto 2013 alle ore 15:59
    Perfetta imperfezione

    ...tieni a bada i quattro guerrieri spietati che sfaccettano le tue molteplici sfuggenti e contrastanti personalità
    e sii allo stesso tempo clemente con te stesso per perdonare le tue violente ma delicate debolezze....
    Perche' solo tanta naïf,spontanea,contrastante , travolgente e dilagante energia emozionale può rendere speciale l uomo meravigliosamente imperfetto che sei...
    Un enorme orso sensibile e dolcissimo ma corazzato al mondo come un carro armato....
    Hai il dono di aprire le menti...
    Hai il peso di cambiare le anime....
    Hai la capacità di spiegare le utopie e l'incomprensibile...
    Hai il difetto di lasciare segni invisibili ma profondi al tuo passaggio....
    È facile odiarti violentemente o amarti profondamente,
    ma di certo non puoi essere un compagno di viaggio a cui essere indifferenti o discaccati, perche' la tua natura carnalmente selvaggia nn te lo consente....
    Sei il soffio di un drago....
    Sei le ceneri infinite di una fenice....
    Sei pelle, anima e essenza di un vulcano ardente....davanti alla cui prepotente eruzione non si può scampare ...

    Tu sei  uno di quegli incontri che si fanno nella vita, e che te la cambiano....

    Tu sei, semplicemente Tu...
    Il principe imperfetto...

  • 24 agosto 2013 alle ore 15:29
    Le spiagge di settembre

    Si inseguono le onde del mare
    stanche di monotonia eterna,
    volontà dolorosa di ricordi teneri
    a coccolare amanti dispersi in giochi e ambiguità.
    La costellazione dell'Addio passa su amori estivi,
    agonizzanti sulle spiagge di settembre:
    gli ultimi bagnanti raccolgono conchiglie alla deriva, 
    gusci di amori al sale
    e ricordi amari di speranza.
    E la spiaggia si riposa nella mente degli innamorati ormai lontani,
    tra desideri confusi
    e silenzi incerti,
    attendendo silenziosa e inquieta
    - ormai da secoli -
    di tornare a vivere e soffrire 
    l'estete successiva.