username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

24 luglio 2012 alle ore 20:53

Baciami Gl'Occhi

Baciami gl'occhi luna nascosta dal gelido scorcio che mostra il tuo manto pallido.
Baciami gl'occhi vitrei, biglie non più grandi di lucciole d'autunno,
copri la sofferenza della notte con la carezza di una madre come fossi bimbo disteso in lunghe e teneri  fasce.
Come seta sfioro le mie biglie che di tutto son fatte benchè di vetro eppur se noti più che morti, son vivi di te che dolce li accompagni.
Ma forse al signore della notte non importa sentir risuonare nel buio note di viva primavera,
al mio signore importa se tali occhi siano stati toccati da spezie e cartoni e non dalla sua stessa seta.
Ma mio signore, io che son fedele al mio stesso animo turbato, come potrebbero spezie e finte pietre ricoprir con egoismo gl'occhi del ceco d'amore? 
Un ceco che vede solo la strada che conosce e che con l'intenso bagliore cristallino della sua stessa cecità, ama il signor suo come la pupilla che ama la sua palpebra, sorprese in un abbraccio mortale quanto la loro funzione esistenziale."

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento