username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

25 marzo 2013 alle ore 19:20

Ego

"A cosa servirebbe, io mi chiedo, perdersi in quell'attimo di stella caduta che ti porta all'oblio nell' universo? E' meglio limitarsi all'astratta visione o al concreto essere?
Dimmi, tu che invochi gl'occhi per un ultima volta, per quale prezzo si è disposti a spingersi?
Se si è al punto d'invocarli, meglio restino astrazioni che misere illusioni."

"Io penso semplicemente che, da pensatori autonomi quali siamo, sia normale sentire determinate cose. Mi sono detta: 'a cosa servirebbe? Va bene esprimerci, dire ciò che pensiamo ma, al di là di tutto, a cosa servirebbe? Sarà una gioia momentanea, perenne dolore, entrambe o nessuna delle due? E' difficile conoscere la risposta, per questo penso: 'meglio che sia astratta visione che misera illusione'."

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento